Domenica, 26 Settembre 2021
Economia Lingotto

Fiat: il segretario del Prc si incatena ai cancelli di Lingotto

Questa mattina il segretario provinciale del Prc, Ezio Locatelli, si è incatenato ai cancelli della Fiat di Lingotto per protestare contro l'azienda automobilistica torinese e contro il governo

Questa mattina il segretario provinciale del Prc, Ezio Locatelli, si è incatenato ai cancelli della Fiat di Lingotto per protestare contro l'azienda automobilistica torinese e contro il governo. Insieme a lui due esponenti del partito, con appesi al collo dei cartelli con scritte contro "L'imbroglio Fiat" e contro Marchionne, Monti e Fornero.

"E' pesantemente a rischio - ha sottolineato Locatelli- il settore degli enti centrali di Mirafiori, dove sono concentrate le attività di ricerca, sperimentazione, stile e progettazione di Fiat. Dal 1992 al 2007 sono passati da qui 23 modelli, ognuno dei quali in almeno due versioni e tre motorizzazioni. Negli ultimi tempi invece si è lavorato per la 500 che si produce in Serbia, per parte di una berlina tre volumi la cui produzione è stata avviata in Cina ed è stata avviata la ideazione della nuova Punto, per il resto gli enti centrali sono impegnati in interventi per modifiche o aggiornamenti su vetture già in produzione".


Davanti alla palazzina della Fiat a Lingotto si è presentata anche il consigliere regionale della Federazione della Sinistra, Eleonora Artesio, che ha presentato un ordine del giorno che impegna la Giunta regionale ad attivarsi urgentemente per istituire un tavolo regionale per Fiat e l'indotto auto e presso il governo per istituire un tavolo nazionale. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiat: il segretario del Prc si incatena ai cancelli di Lingotto

TorinoToday è in caricamento