Venerdì, 24 Settembre 2021
Economia

Collaborazione antievasione: scoperti oltre 4 milioni di evasione

Il patto antievasione sottoscritto da Comune di Torino e Agenzia delle Entrate ha portato finora, grazie a 125 segnalazioni, di scoprire 4,2 milioni di euro di imposte dovute alle casse dell'Erario

Inizia a dare i primi frutti il patto antievasione tra Comune di Torino e Agenzia delle Entrate. Sono già 125 le segnalazioni andate a segno che hanno consentito di scoprire 4,2 milioni di euro di imposte dovute alle casse dell’Erario. Tra il 2010 e il 2011 sono finiti sotto la lente di ingrandimento degli uffici comunali i “furbetti” dell’Isee proprietari di immobili di prestigio, contribuenti che hanno dimenticato di dichiarare l’affitto di abitazioni e garage, imprenditori con redditi bassissimi che hanno pagato però tariffe Tarsu elevate. Molto interessante anche il filone d’indagine aperto su alcune imprese di onoranze funebri, che dai registri comunali risultavano aver gestito molte pratiche cimiteriali senza aver poi dichiarato i relativi ricavi.

Secondo il Direttore regionale dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, questi “sono segnali incoraggianti di come la collaborazione fra le Amministrazioni pubbliche possa funzionare e dare risultati. Stiamo lavorando con gli Enti locali per affinare le metodologie di indagine e incrementare la potenzialità delle loro segnalazioni, quanto più preziose perché possono valorizzare un’impareggiabile conoscenza del territorio”.


L’Assessore al Bilancio e ai Tributi del Comune di Torino, Gianguido Passoni, sottolinea che “la collaborazione tra l’Amministrazione comunale e l’Agenzia delle Entrate ha, come evidenziano i positivi risultati ottenuti, senza dubbio conferito maggiore efficacia alle attività di contrasto all’evasione fiscale. La strada intrapresa qualche anno fa, con la firma del patto antievasione, si è dimostrata giusta. Dobbiamo continuare a seguirla e, insieme all’Agenzia delle Entrate, non smettere di lavorare per potenziare gli strumenti di raccolta e scambio delle informazioni. Le risorse sottratte alla comunità dagli evasori devono tornare a disposizione dei cittadini e, lavorando fianco a fianco, Comune e Agenzia possono fare molto perché ciò avvenga”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Collaborazione antievasione: scoperti oltre 4 milioni di evasione

TorinoToday è in caricamento