La De Tomaso diventa cinese, la notizia peggiore per i lavoratori

L’Ideal Time Venture Limited si aggiudica l’asta per il marchio della casa automobilistica torinese. La società “produce auto in Cina e lo farà anche con il marchio De Tomaso”, è stato spiegato. “Una sconfitta per tutti”, dice la Fiom

“Non è certo una buona notizia, perché lascia di fatto senza risposte il problema dei lavoratori e del futuro produttivo di questa realtà industriale”. Parole che descrivono quella che è la nuova realtà degli oltre 800 lavoratori della De Tomaso di Grugliasco, che hanno visto comprare il marchio della loro azienda dall’Ideal Time Venture Limited, società cinese che ha la sede legale nelle isole Vergini e la sede operativa a Hong Kong. “Ideal Team Venture produce auto in Cina e lo farà anche con il marchio De Tomaso”, è stato spiegato dal legale rappresentante della società cinese.

La Ideal Time Venture Limited si è aggiudicata la nuova asta a discapito della cordata italiana Eos. Ha presentato un’offerta da un milione e 50 mila euro, ma non ha un piano industriale, cosa che farebbe capire che non c’è nessuna intenzione di far ripartire la produzione nello stabilimento ex Pininfarina. “E’ una sconfitta per Torino e per il Piemonte, perdiamo un marchio importante - ha sottolineato il segretario della Fiom Piemonte, Vittorio De Martino -. La responsabilità è delle imprese e delle istituzioni, a partire proprio dalla Regione Piemonte”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tunnel si è dunque fatto di un buio più intenso per i lavoratori che sono da tempo in mobilità. L’acquisizione in tribunale del marchio De Tomaso è arrivata dopo la prima asta conclusasi in malo modo: la L3 Holding, dopo l’aggiudicazione, non aveva pagato i due milioni e mezzo di euro che si era impegnata a versare. Su questo episodio continuano le indagini della Procura di Torino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il film porno è girato nel parco cittadino: nuova performance del noto avvocato e di due pornostar torinesi

  • Maxi-incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, uno ribaltato e due in fiamme

  • Compleanno torinese per i 18 anni del figlio di Fabrizio Corona e Nina Moric: pronta una grande festa

  • Super-vincita al concorso a premi in tabaccheria: un fortunato si porta a casa 53mila euro

  • Viviana e il piccolo Gioele sono ancora scomparsi, ma oggi fatti avvistamenti 'importanti'

  • Scossa di terremoto in serata: sentita chiaramente dai residenti nelle valli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento