menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La situazione del settore dell'auto è difficile

La situazione del settore dell'auto è difficile

Coronavirus, Torino è la città più colpita dalla crisi economica

A risentirne l'automotive che rischia danni per 10 miliardi di euro

Secondo uno studio Cerved realizzato per l'Anci - Associazione Nazionale dei Comuni Italiani - l'impatto del Covid19 su Torino sarà devastante. Nel 2020 la città più colpita in termini percentuali è proprio il capoluogo sabaudo che registra un calo del ricavi del 14,4% nel caso di uno scenario soft (in cui non ci siano altri lockdown fino alla fine dell'anno) e del 20,2% in quello hard (con ulteriori chiusure). A seguire Venezia  (13,8% e 19,2%), Genova (12,5% e 17,9%) e Cagliari (12,4% e 18,2%), che alternano terzo e quarto posto in base allo scenario.

Il rapporto che monitora l'andamento di oltre 1600 settori produttivi e quantifica l'impatto del Coronavirus sulle imprese delle 14 città metropolitane italiane, evidenzia un danno maggiore nei centri urbani del Nord e più contenuto in quelli meridionali. Lo studio, a proposito del nostro capoluogo, evidenzia il ritardo della ripresa economica per via della situazione complicata di quello che è sempre stato il settore fondamentale per la città: l'automotive, già in crisi prima dell'emergenza sanitaria e che con la "serrata" ha preso il colpo di grazia. Si prevede infatti una perdita di 6,6 miliardi di euro che sale a 10 se si considerano gli altri comparti della filiera (concessionari e componenti) 

In termini assoluti la situazione cambia anche se non di molto. Sul primo gradino del podio in questo caso c'è Milano con perdite di fatturato comprese tra i 74 e i 97,6 miliardi di euro seguita da Roma (da 63,2 a 82,4 miliardi). Sempre in zona medaglia resta Torino, terza, con perdite stimate tra i 26 e i 34 miliardi. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento