Martedì, 28 Settembre 2021
Economia

Undici milioni in sette ore: Coldplay miniera d'oro per Torino

La band inglese ha portato a Torino quarantamila fan, e, indirettamente, 11,2 milioni di euro. Esauriti i posti negli hotel, salita la diffusione del city brand Torino. Coppola: "Un settore su cui investire"

 

La ricaduta economica del concerto dei Coldplay a Torino, dello scorso 24 maggio, in occasione dell'unica data italiana del tour mondiale, è stimabile tra gli 11,2 e i 13 milioni di euro. E' il dato più rilevante che emerge dall'indagine condotta per conto della Camera di commercio di Torino da Finpiemonte.
 
A fronte di due milioni di euro ricavati dalla vendita dei biglietti, la ricaduta diretta dell'evento fa salire la cifra tra i 7,3 e gli 8,5 milioni di euro. Se poi consideriamo anche la caduta indiretta arriviamo tra i 9,4 e gli 11,2 milioni di euro. L'impatto economico viene quantificato in sei volte i ricavi ottenuti dalla sola vendita dei biglietti. Il dato è ancora più significativo se si considera che la band britannica ha trascorso solo sette ore sotto la Mole.
 
I fan arrivati per l'evento sono stati quarantamila, di cui il 77% da tutta Italia, il 22% dal Piemonte e 1% dall'estero. Gli hotel hanno fatto registrare il quasi tutto esaurito, nonostante un lieve incremento dei prezzi: oltre 16.000 i pernottamenti generati nel weekend dall'evento. Notevole è stata sul web la diffusione del city brand Torino, grazie alla parola chiave Coldplay, che su twitter ha fatto registrare sette milioni di followers rendendo l'evento globale.
 
"Possiamo affermare - ha detto l'assessore regionale alla cultura, Michele Coppola - che il tempo libero e la cultura, investiti così positivamente dal punto di vista occupazionale, fanno bene al territorio. I privati devono essere messi nella condizione di scegliere Torino e il Piemonte per i loro progetti. Ricerche come questa realizzata per un concerto, e come quelle realizzate per il Salone Internazionale del Libro o per la settimana dell'Arte Contemparanea, danno forza al principio, approvato nel bilancio regionale 2012, di destinare il 30% della quota dell'addizionale Irpef regionale a Cultura, Turismo e Sport".
 
(ANSA)
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Undici milioni in sette ore: Coldplay miniera d'oro per Torino

TorinoToday è in caricamento