menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aerospazio, a Torino chiude anche la Flexider: licenziati tutti e 24 i dipendenti

Agli inizi del 2000 l'azienda contava 600 lavoratori

Chiude dopo 40 anni di attività a Torino, la Flexider, prima nel settore auto e oggi tra i fornitori del gruppo Leonardo. La comunicazione è arrivata in seguito all'assemblea con la multinazionale Imca, socio americano: l'azienda chiude e verrà liquidata. I dipendenti, 24 persone, saranno licenziate.  "E' l'ennesimo disastro - commenta la Fim - una doccia fredda. Negli ultimi 4 anni l'azienda ha avuto perdite rilevanti medie intorno agli 1,9 milioni di euro/anno, coperte dal gruppo con immissioni di liquidità". 

Un lento declino

La Flexider nel corso degli anni ha ridotto drasticamente l'organico. Dai 600 dipendenti a inizio 2000 ai 95 nel 2016, per poi effettuare proprio in quell'anno un ulteriore taglio di 54 addetti. L'azienda motivò la decisione con la crisi che stava colpendo il settore in relazione al prezzo del petrolio e al calo degli investimenti. Il trend economico era però in netto miglioramento, proprio quest'anno, con una forte diminuzione del debito che si attestava a circa 700.000/800.000 euro. 

"Tutto il lavoro e gli sforzi fatti negli ultimi anni - spiega ancora il sindacato - è stato vanificato da una completa mancanza di ordini a partire da marzo 2020 da parte del gruppo Leonardo e dell'azienda svizzera Pilatus, nel settore aereospazio oggi in crisi di settore mondiale. Questo doveva essere l'anno della ripresa con nuove commesse mirate a rafforzare la posizione reddituale aziendale ma, causa Covid, anziché rafforzarsi e crescere, gli ordini si sono azzerati con una programmazione di ripresa allungata troppo in là nel tempo"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento