Casa Vicina, il ristorante stellato sarà tra i protagonisti dell'attesissimo Green Pea

Inaugurazione il 31 agosto

C'è attesa attorno all'apertura di Green Pea, il Green Retail Park, il futuro polo torinese per la tematica "ecologia e rispetto dell'ambiente". L'ecologia, infatti, sarà il filo conduttore dei prodotti in vendita: abbigliamento, mobili, prodotti per la casa, scelti perchè ecosostenibili e perchè rispettano l'ambiente e la natura. Il nuovo centro commerciale ecosostenibile sarà vicinissimo al Lingotto ed a Eataly, l'altra creatura di Farinetti. Green Pea avrà una superficie di 10 mila e 500 metri quadrati, per un totale di ben quattro piani di punti vendita.

Per il nuovo progetto, la famiglia Farinetti ha voluto un segno di continuità importante scegliendo nuovamente i Vicina. Il ristorante stellato “Casa Vicina”, infatti "diventerà il fulcro e la colonna portante di tutta l’offerta gastronomica calda del progetto".

Il ristorante stellato "Casa Vicina" sarà ubicato al 3° piano del futuro Green Retail Park, sviluppandosi su una superficie di
circa 300 mq compresivi della sala ristorante e della cucina. L’ambiente molto luminoso con vista sulla collina di Torino è stato studiato per trasmettere agli ospiti la filosofia di rispetto e integrazione dell’uomo con la natura, sarà incentrato sulla messa a valore della “cultura” e della “poesia”. La sala si sviluppa su due aree: la principale con capienza di circa 50 posti e una riservata da 20.

Novità assoluta, dalla primavera all’autunno, è a disposizione un dehors esterno. Durante tutto l’anno inoltre, sarà possibile guardare lo chef Claudio Vicina all’opera con la sua brigata dato che la cucina è progettata “a vista” sulla sala.

L’apertura ufficiale del ristorante nella nuova location è prevista il 31 agosto, giorno di inaugurazione di Green Pea, mentre continuerà ad essere operativo nell’attuale sede in Eataly Lingotto indicativamente sino a fine luglio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sposare il progetto di Green Pea è per noi un passo naturale e in linea con il percorso che stiamo sviluppando di sostegno delle realtà produttive che mettono in primo piano la qualità e il rispetto dell’ambiente nel quale operano.” commenta lo Chef Claudio Vicina “Sono sempre alla ricerca di stimoli nuovi e accattivanti che diano ulteriore verve e carattere ai piatti. In questi mesi lavoreremo a proposte nuove e inedite da mettere in menù che raccontino la nostra visione “green” della cucina. Non mancheranno comunque i piatti classici come la Bagna Caoda da bere, il tonno di coniglio e le ricette “di famiglia” alle quali riserveremo sempre un posto d’onore. Prevediamo infatti tre percorsi “gourmet” che raccontino i piatti della nostra tradizione familiare, quelli legati
alle tipicità italiane e straniere. Vogliamo inoltre, ampliare le proposte di mare per maggiore completezza dell’offerta.” conclude lo Chef.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

  • Torino, "Ti amo" urlato ai quattro venti: tutta la piazza e la città ora lo sanno

  • Riscaldamento: le date per l'accensione dei termosifoni

  • Tragico schianto in autostrada sulla Torino-Savona: due operai torinesi morti

  • Coronavirus: ordinanza Piemonte, stop agli alcolici dopo le 21 e attività chiuse a mezzanotte

  • Lavazza, offerte di lavoro a Torino e in provincia: le posizioni aperte

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento