Venerdì, 17 Settembre 2021
Economia

Carta Musei, record di acquisti a Torino nel periodo natalizio

Nonostante il momento difficile che ha visto durante il mese di dicembre un calo dei consumi nei diversi settori, la Carta Musei 2013 ha mantenuto alti i livelli di interesse

A Torino la Cultura non è andata in vacanza. A poco più di un mese dall'apertura della distribuzione della Carta Musei 2013 - partita il primo dicembre 2012 - si registra già il primo record. Sono già state 43 mila le carte acquistate, un numero che, nonostante la crisi, non si discosta molto da quello ottenuto lo scorso anno.

La scelta di mantenere il prezzo invariato rispetto ad un anno fa - 49 euro intero e 30 euro il ridotto - è stato certamente apprezzato da molti torinesi. Nel 2013, oltre a grandi eventi come la mostra sui Tesori dell’Ermitage a Torino, e i capolavori della collezione Solomon e Peggy Guggenheim all’Arca di Vercelli, si aggiungono nuovi musei al circuito. A Torino, il Museo del Risparmio e il Museo dello Sport; a Ivrea, la rete museale dell’Anfiteatro Morenico; ad Asti, il Museo del Risorgimento e Palazzo Mazzetti. Ai musei a ingresso scontato si aggiunge il Poldi Pezzoli a Milano. È entrato nel sistema anche lo Juventus Museum: uno spazio espositivo appassionante che completa l’insieme dei musei legati al mondo dello sport.

Negli ultimi anni la vendita della Carta Musei è sempre aumentata: nel 2012 sono state acquistate 87mila e 237 tessere, il 3,5% in più rispetto al 2011, anno in cui se ne erano vendute 84mila e 263. Il 2012 ha rafforzato il risultato già eccezionale dell’anno prima che, a sua volta, aveva avuto un aumento del 34% rispetto al 2010. Per l'anno in corsa si crede che possa arrivare un altro risultato positivo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carta Musei, record di acquisti a Torino nel periodo natalizio

TorinoToday è in caricamento