Economia

Nuovi modelli di ospitalità per una città che cresce!

Il Camplus Torino Regio Parco

Una città viva è una città che sa fare del turismo, dell’università e delle imprese il cuore pulsante del proprio vivere. Per questo motivo l’offerta ricettiva deve essere adeguata alle mutate esigenze degli ospiti che vivranno, per pochi giorni o per un anno interno, all’interno della città. Se guardiamo al dato delle matricole universitarie su Torino, il 50% proviene da fuori regione e il dato è in aumento rispetto agli inni precedenti. Anche il numero degli iscritti registra un aumento di +8.000 nuovi studenti.

Anche i dati del turismo torinese pre-covid segnalavano nel 2019 un aumento di visitatori del + 10%. C’è quindi bisogno di soluzioni nuove, moderne che accolgano un target giovane. In questo senso vi raccontiamo di una nuova struttura "Camplus Torino Regio Parco” di via Perugia 45. In totale saranno 300 i nuovi posti letto nella nuova residenza che accoglierà universitari, viaggiatori, lavoratori e aziende. L’offerta abitativa è ripartita in camere singole e doppie, la componente abitativa è abbinata all’offerta di spazi comuni per lo studio ed il tempo libero dei futuri residenti: il complesso dispone infatti di sale meeting, aule studio, una palestra, un campo da padel, servizi comuni ed uno spazio ristorazione. La gestione dell’immobile sarà di Camplus presente a Torino con circa 2.000 posti letto e con un’ampia offerta che si declina in Collegi di Merito, residenze e appartamenti dislocati nei punti strategici della città. La presenza consolidata nel territorio ha permesso a Camplus di stringere importanti relazioni con gli atenei torinesi, primo fra tutti il Politecnico di Torino con il quale ha avviato due importanti partnership: quelle per la gestione della Residenza universitaria “Carlo Mollino” e della Residenza Universitaria “Cesare Codegone”.

L’offerta abitativa messa in campo da questa realtà, tutta italiana e nata a Bologna da studenti per studenti, si caratterizza per la sua flessibilità in termini di servizi residenziali e formativi offerti così da poter rispondere alle esigenze di tutti. In particolar modo i collegi di merito permettono di sperimentare una duplice offerta, formativa e residenziale, per godere al massimo degli anni universitari senza rinunciare alle comodità di una residenza dotata di numerosi servizi (mensa, pulizie e utenze). Con l’obiettivo di far sentire a casa anche fuori casa ogni ospite, Camplus College ha ampliato la sua proposta di ospitalità presentando le residenze Camplus.

Al centro della proposta gli spazi di community come palestre, sale meeting, sale studio e aule come volano per garantire al meglio, sia per uno studente sia per un giovane lavorate, la permanenza presso Camplus presentando una soluzione abitativa flessibile ma comprensiva di tutti i comfort. L’offerta residenziale messa in campo da Camplus si completa anche con gli appartamenti, soluzioni abitative anch’esse pensate per studenti universitari e giovani lavoratori. In questo caso vengono messe a disposizioni stanze singole o doppie in monolocali, bilocali e appartamenti condivisi, pensati per rispondere ad ogni esigenza di prezzo, localizzazione e servizio.

Qualunque sia la formula scelta, Camplus si fa forte dell’energia del team che segue il proprio ospite nella scelta della casa: dalla ricerca fino alla gestione della permanenza, proponendosi come unico punto di riferimento e aiuto. L’idea di declinare l’offerta abitativa su più soluzioni ha come scopo quello di favorire la realizzazione di strutture, spazi e luoghi sempre più vivibili e sempre più volti alla relazione tra studenti, viaggiatori e giovani lavoratori. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi modelli di ospitalità per una città che cresce!

TorinoToday è in caricamento