BlueCar chiude lo stabilimento di produzione a Bairo: 47 lavoratori a rischio

Era l'unico attivo nel settore delle auto elettriche

BlueCar, l'azienda del gruppo francese Bollorè che produce auto elettriche per il car sharing, non produrrà più a Bairo Canavese. Dall'ex stabilimento Pininfarina, aprire dal 2020, non usciranno più i mezzi elettrici che si vedono circolare per Torino.

La beffa 

Una doccia fredda per l'economia piemontese e per i 47 dipendenti che avranno il compito di realizzare ancora 200 vetture destinate a Singapore e poi per loro arriverà lo stop. Una beffa e un cattivo segnale per il settore: Bairo infatti era l'unica filiera attiva nella produzione di auto elettriche.

E i sindacati puntano il dito sulla Regione a la spronano a intervenire: "Dove sono Cirio e l'assessore al Lavoro? - tuona il segretario generale della Fim torinese, Claudio Chiarle -. Stanno perdendo l'unica, per ora, produzione di auto elettriche. Chiediamo a Pininfarina di farsi carico dei lavoratori e alla 'nuova' politica di non ripetere pappagallescamente ciò che già sappiamo sul futuro dell'auto, ma di avere una politica industriale attiva e non a posteriori".

"Un’altra sassata all’economia del nostro territorio - ha detto Edi Lazzi della Fiom Cgil -. Continuano a chiudere le aziende, continua l’uso degli ammortizzatori sociali e il settore dell’automotive è in stato comatoso. Perdere ciò che si ha non è certo un buon segnale, ci stiamo avvitando in una spirale senza fondo. Non abbiamo più tempo: chiediamo alle istituzioni di convocare urgentemente un tavolo di confronto con le organizzazioni sindacali e le associazioni delle imprese per fare il punto della situazione e decidere insieme cosa è necessario fare per intervenire, ognuno per il ruolo che ricopre, per fermare una crisi che rischia di essere irreversibile".

Tavolo fra imprenditori e sindacati

E immediata è la risposta dell'assessore al Lavoro Elena Chiorino: "Abbiamo appreso in queste ore quanto sta avvenendo e in accordo con il presidente Cirio convocheremo, nel più breve tempo possibile, un tavolo tra associazioni imprenditoriali e organizzazioni sindacali. Non solo per questo caso concreto  - ha ribadito l'assessore - ma per l'automotive piemontese in generale. Un settore da difendere per l'alto contenuto di innovazione che deve rimanere nel Torinese".

E prosegue: " L'automotive elettrica è avamposto di tecnologia: un segmento essenziale della nostra realtà industriale e per difenderlo è necessaria la massima concordia e un rinnovato patto economico".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La polemica

Ma Chiorino coglie la polemica e non manca di rispondere all'attacco dei sindacati: "Curioso che chi fa il sindacalista da 20 anni, accusi chi è al governo da 20 giorni. Comunque sia, la Regione ha le idee chiare sulla politica industriale ed è al lavoro dal primo giorno. Invito quindi ad abbandonare ogni polemica - conclude l'assessore - , soprattutto se strumentale, e a unire le forze per difendere produzione e occupazione piemontese".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

Torna su
TorinoToday è in caricamento