Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Banca d’Alba per la scuola, le iniziative con il CentroScienza Onlus di Torino

 

Banca d’Alba presenta una serie di percorsi formativi che nei prossimi mesi vedranno coinvolti gli istituti scolastici cuneesi e torinesi con migliaia di bambini e ragazzi delle scuole elementari, medie e superiori che potranno avvicinarsi a temi di assoluta attualità, proposti con un taglio decisamente innovativo.

Il Presidente di Banca d’Alba, Tino Cornaglia: “Le attività proposte negli ultimi mesi alle scuole locali hanno avuto un grande successo e sono state lo stimolo per ragionare su nuove iniziative. Gli appuntamenti che proporremo quest’anno sono di altissimo livello formativo, sfruttando l’originalità per creare maggiore consapevolezza tra i bambini su temi importanti”. 

Dopo gli appuntamenti di novembre ad Alba vi sarà un’importante collaborazione con il CentroScienza Onlus di Torino, sostenendo quest’anno il programma di “GiovedìScienza Off- Speciale Scuole”, da oltre 30 anni un fiore all’occhiello della città di Torino.

Due saranno gli appuntamenti in agenda, entrambi previsti per il giorno di San Valentino, il 14 febbraio.

Il giocoliere della Scienza
La giocoleria è una antica arte circense fatta di fantasia, estro, tecnica. La fisica è una disciplina scientifica che cerca di descrivere il mondo con la matematica. Due realtà lontane, apparentemente. Uno scienziato un po’ svitato mette in evidenza i molteplici collegamenti tra i due mondi, alternando divertenti monologhi teatrali di stampo divulgativo a esibizioni tecniche di altissimo livello. Lo scienziato “pazzo” è Federico Benuzzi, laureato in Fisica e diplomato SSIS, oggi insegnante di ruolo nel liceo Bassi di Bologna.

Pokémon Go: e dopo?
In collaborazione con il Centro Scienza e il Museo Piemontese d’Informatica. Cosa c’è “oltre la vita” del gioco location based più gettonato del 2016? Nell’estate 2016 un videogioco ha fatto capolino nella vita di molti di noi ma soprattutto degli adolescenti. Quali sono stati gli effettivi impatti socio-economici? Era davvero una novità assoluta? Qual è il futuro dopo “Pokémon Go” in un contesto di realtà virtuale e location based game sempre più immersivi? 
Queste e altre le domande a cui cercheremo di rispondere nel corso dell’incontro, con l’obiettivo di analizzare quali saranno le nuove forme di socialità tra i ragazzi.


Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Potrebbe Interessarti

Torna su
TorinoToday è in caricamento