menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Sala Rossa approva il bilancio, più risorse a cultura e servizi sociali

Tra le scelte dell Giunta c'è quella di mantenere alta l’offerta dei servizi sociali, educativi e culturali, mantenere sostanzialmente inalterato il budget e la pressione fiscale per cittadini e imprese

C'è voluta tutta la notte - fino alle ore 2.00 - per giungere all'approvazione da parte del Consiglio comunale del bilancio preventivo per l’anno 2015 (con 24 voti favorevoli e 11 contrari) dopo l’illustrazione dell’assessore Passoni - avvenuta lo scorso lunedì - e la discussione in aula di mercoledì 29 e giovedì 30 luglio.

Il bilancio pareggia a 1 miliardo e 273 milioni di euro. Nelle entrate da registrare 26 milioni (17 milioni in più rispetto al 2014) derivanti dall’incremento di Fct, per le alienazioni effettuate nel 2014. Calano di 40 milioni le entrate tributarie che si assestano a 830 milioni. La rinegoziazione di alcuni mutui (relativi agli anni precedenti) con la Cassa Depositi e Prestiti, ha significato per la città un risparmio di 9,5 milioni di euro.

Tra le novità del 2015 c’è l’innalzamento della fascia Isee da 13mila a 17mila euro, limite per la richiesta del contributo. Si prevede che i potenziali beneficiari (9.500 nel 2014) possano essere tra le 11 e le 14mila famiglie. Sul fronte delle entrate 2015 da imposte (Imu 245 milioni), Tasi (116 milioni), Tari, Tares e Tarsu (206 milioni) il quadro resta senza modifiche significative rispetto al 2014.

Le scelte della Giunta per l’elaborazione del bilancio 2015 sono: mantenere alta l’offerta dei servizi sociali, educativi e culturali, mantenere sostanzialmente inalterato il budget e la pressione fiscale per cittadini e imprese; sostenere la programmazione culturale della città; intensificare la progettazione e realizzazione di interventi di manutenzione straordinaria del patrimonio pubblico e continuare l’operazione di risanamento del debito (che nel 2015 scende di altri 90 milioni di euro e si assesta intorno ai 2,9 miliardi, ritornando ai livelli dei primi anni duemila).

Nell'ambito dell'approvazione del bilancio sono state altresì approvate alune mozioni di accompagnamento aventi a oggetto il mantenimento delle risorse per nidi e micro-nidi privati già convenzionati con contributi della Regione Piemonte e l'impegno da parte della Giunta di valutare la possibilità di aggiornare il bilancio riducendo l'aliquota dell'addizionale Irpef applicata dal Comune allo 0,75 per cento.

E' stata, inoltre, approvata una mozione proposta dai consiglieri del Partito Democratico che impegna la Giunta a utilizzare eventuali nuove risorse finanziarie provenienti da assestamenti di bilancio, principalmente in campo assistenziale, educativo e di promozione dell’imprenditorialità e del lavoro giovanile. In particolare la mozione richiama l’attenzione sulle fragilità economiche di famiglie, anziani, minori e persone con disabilità, per le quali occorre garantire i servizi e le prestazioni erogati nel precedente esercizio e, se possibile, rafforzare quelli per le persone con disabilità. La mozione individua situazioni critiche e necessità di interventi e risorse per garantire la manutenzione del verde da parte delle circoscrizioni cittadine e la pulizia dei musei, salvaguardando così anche i lavoratori occupati in questi settori, in buon numero appartenenti a fasce sociali deboli.

La mozione chiede inoltre di verificare la possibilità di eliminare dal contratto di servizio la pulizia dei mercati, per attuare modalità di cogestione a carico dei commercianti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento