Giovedì, 28 Ottobre 2021
Economia Caselle Torinese

Bocciato il Sandro Pertini, l'attacco: "Ha numeri da serie B"

La bocciatura del Ministero ha movimentato molte polemiche intorno all'aeroporto torinese di Caselle. Buquicchio parla di numeri da struttura "di serie B", mentre Fassino attacca la scelta di alcune compagnie aeree

L'aeroporto di Caselle non è strategico. A dirlo nei giorni scorsi è stato il Ministero dei Trasporti, dando il via a diverse polemiche che forse erano pronte a venir fuori da parecchio tempo.

"Sono i numeri e le statistiche a bocciare l'aeroporto di Caselle - commenta il capogruppo regionale dell'Italia dei Valori, Andrea Buquicchio -. Un'aerostazione che in un anno dovrebbe superare a stento i 3 milioni di passeggeri è evidentemente di serie B, mentre altri scali, di realtà territoriali anche più piccole, fanno registrare numeri decisamente maggiori". La realtà parla di migliaia di passeggeri che quotidianamente devono recarsi a Milano e Bergamo per usufruire di voli mancanti nell'aeroporto torinese.

Sotto accusa finisce anche Sagat, la società che gestisce lo struttura alle porte di Torino. "Nonostante la nuova composizione societaria sia mutata di recente, non si può non pensare che questa triste situazione dipenda anche da responsabilità di Sagat - accusa Buquicchio -. In questo momento servono scelte coraggiose e un buon punto di partenza sarebbe quello di avviare gare d'appalto trasparenti per i diversi operatori interessati a Torino anziché condurre trattative delle quali si nascondono i dettagli economici".

Il declassamento del "Sandro Pertini" sarebbe anche una conseguenza della scelta di alcune compagnie aeree. Lo pensa e lo dice il sindaco di Torino, Piero Fassino, puntando il dito in particolare su Alitalia, la quale ha scelto di ridurre della metà i voli tra Roma e Torino nelle giornate del sabato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bocciato il Sandro Pertini, l'attacco: "Ha numeri da serie B"

TorinoToday è in caricamento