Domenica, 19 Settembre 2021
Economia

Nuovo accordo per le assunzioni al Museo Nazionale del Cinema

E' stato raggiunto l'accordo con le organizzazioni sindacali Slc-Cgil e Uilcom-Uil. Ken Loach aveva rifiutato di ricevere dal Torino Film Festival per solidarietà

Nuovo accordo per le assunzioni e i rapporti di collaborazione al Museo Nazionale del Cinema.

E' stato raggiunto con le organizzazioni sindacali Slc-Cgil e Uilcom-Uil a poche settimane dalle polemiche sollevate da Ken Loach, il regista inglese che ha rifiutato di ricevere dal Torino Film Festival il Premio Gran Torino per solidarietà con i lavoratori precari del Museo.

L'accordo, si legge in una nota, "identifica le basi di un percorso che, utilizzando al meglio gli strumenti contrattuali, garantiranno durevolezza ai rapporti con il personale dotato di professionalità e competenze negli specifici segmenti in cui è articolata l'attività del Museo". Un primo gruppo di lavoratori sottoscriverà i nuovi contratti nei prossimi giorni, mentre i contratti per le altre figure professionali seguiranno nelle settimane a venire, in funzione degli impegni che il Museo dovrà affrontare.

Ken Loach aveva rifiutato il premio del Festival del Cinema Torino in nome dei suoi ideali. "Il museo del Cinema riassuma i lavoratori licenziati, basta esternalizzazioni", disse il regista britannico.

Dopo il "no" detto al Torino Film Festival il regista inglese il 6 dicembre aveva incontrato i sindacalisti, i lavoratori della Rear, la cooperativa titolare dell'appalto al Museo del Cinema, e i lavoratori di altre aziende.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo accordo per le assunzioni al Museo Nazionale del Cinema

TorinoToday è in caricamento