Economia Corso Canonico Giuseppe Allamano, 44

Incertezza sul futuro dello stabilimento Maserati di Grugliasco: il sindaco scrive ai vertici di Stellantis

Dall'azienda nessuna replica ufficiale

La Maserati di Grugliasco

Quale futuro per lo stabilimento Maserati "Agap" (Avvocato Giovanni Agnelli Plant) di Grugliasco?

Se lo chiede anche il sindaco Roberto Montà che ha inviato una lettera all’amministratore delegato del Gruppo Stellantis, Carlos Tavares; al direttore dello stabilimento, Marco Carbonatto; ai Ministri dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, e del Lavoro, Andrea Orlando; ai parlamentari eletti in Piemonte, al presidente della Regione, Alberto Cirio; e alla sindaca metropolitana Chiara Appendino.

Nei giorni scorsi, infatti, erano apparsi numerosi articoli sui media nazionali e locali che lasciavano parecchio perplessi sull'avvenire della realtà di corso Allamano 44.

"Nel quadro del prossimo piano industriale, il primo e molto atteso del nuovo gruppo Stellantis - scrive il sindaco - vi chiediamo di porre attenzione ai fattori di competitività di questo stabilimento, del tessuto produttivo sviluppato intorno e al valore aggiunto rappresentato dai dipendenti e dalle loro esperienze e competenze. Ci attendiamo non solo che siano fugate le voci, che auspichiamo siano infondate, di chiusura e/o spostamento della produzione a Mirafiori, ma anche che si operi nella logica di rafforzamento del tessuto dell’automotive che Torino e l’area metropolitana possono rappresentare, favorendo la realizzazione di nuovi modelli e della “gigafactory”".

Il primo cittadino, inoltre, ha ricordato come Fiat e Fca abbiano investito oltre 1 miliardo di euro "per la riqualificazione del sito, affinché potesse ospitare la produzione del marchio Maserati, nella logica di collocare a Torino e a Grugliasco il polo produttivo dei segmenti “premium” e “luxury”. Investimenti che hanno permesso di realizzare uno stabilimento efficiente e moderno, che dà lavoro a oltre 1.300 addetti e che è parte di un sistema integrato in cui il know how della manodopera e del tessuto produttivo rappresentano una risorsa non paragonabile ad altre realtà italiane ed europee. Il sito produttivo grugliaschese rappresenta, quindi, una risorsa per il Gruppo Stellantis e per il sistema produttivo dell’automotive italiano e piemontese".

E se Stellantis, per ora, non replica, Montà si dice convinto "che vi siano tutte le condizioni e le possibilità per far sì che lo stabilimento AGAP, insieme a Mirafiori, rappresenti uno dei pilastri del rilancio dell’automotive italiano, fornendo competenze e quell’amore per il prodotto che ha segnato l’immagine di un marchio importante quale Maserati. Ribadiamo la nostra disponibilità a partecipare a un tavolo che veda presente Stellantis e rappresentanti delle istituzioni a livello nazionale, regionale e locale unitamente alle organizzazioni sindacali".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incertezza sul futuro dello stabilimento Maserati di Grugliasco: il sindaco scrive ai vertici di Stellantis

TorinoToday è in caricamento