Cronaca Vanchiglia / Via Vanchiglia

"Zone blu soppresse", equivoci per un falso volantino

Ci sono ancora su muri di vari quartieri falsi volantini datati 31 marzo (un tentativo di "pesce d'aprile") che riportano nel testo la soppressione delle "zone blu". Dal Comune la precisazione

Sui muri di varie zone della città sono ancora affissi, resistenti alla pioggia e al maltempo, falsi volantini datati 31 marzo (un tentativo di "pesce d’aprile") che, a firma del Sindaco e del Segretario Generale con i cognomi volutamente storpiati e citando fantasiose sentenze, riportano nel testo la soppressione delle “zone blu” per la sosta a pagamento di San Donato, Regio Parco, Cit Turin, Crocetta, Cenisia e Vanchiglia con il rimborso delle relative sanzioni.


Dal Comune arriva una doverosa precisazione: "Poiché i volantini ancora affissi possono continuare ad ingenerare equivoci si ritiene opportuno precisare ancora che sono destituiti di qualsiasi fondamento e che di conseguenza le zone di sosta a pagamento citate restano pienamente in vigore". Non sono pochi i torinesi che hanno sperato, all'inizio di aprile, che quanto annunciato nei volantini fosse vero. I manifesti, tutti contrassegnati dal logo ufficiale del Comune di Torino, invitavano la cittadinanza a non pagare la sosta, in seguito ad una diffida (questa sì, reale) del Codacons.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Zone blu soppresse", equivoci per un falso volantino

TorinoToday è in caricamento