Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Barriera di Milano / Via Montanaro

Nuovi volantini contro le forze dell'ordine "Ecco come colpire il nemico"

In Barriera di Milano i muri e le pensiline sono invasi da manifesti che invitano la gente a ribellarsi al carcere e agli agenti di polizia

Le banche prima di tutto. E poi gli agenti di polizia e il carcere. Gli squatter hanno disseminato i quartieri della periferia nord con pesanti manifesti contro i loro nemici per antonomasia: poliziotti, carabinieri e guardie carcerarie. Segnali, quelli apparsi sui muri e alle fermate dei bus, di un periodo caldo che potrebbe portare altri scontri e tensioni lungo le strade. Proprio come accaduto mesi fa con gli sfratti, con le barricate e i quartieri messi a ferro e fuoco da una decina di incappucciati. Scene che i cittadini non vorrebbero rivedere.

Ma quelle locandine che mostrano uomini a volto coperto con spranghe e pietre in mano e che invitano ad autodifendersi contro la polizia non sembrano far presagire nulla di buono. E tra un insulto e un altro ecco comparire anche le foto dei bancomat devastati da alcuni raid o i negozi assediati da altri personaggi, ovviamente a volto coperto. Intanto sempre in Barriera di Milano è fermento anche tra i comitati spontanei che stanno pensando di preparare l'ennesimo volantino di protesta.

Un elenco di problemi che il comitato tornerà a consegnare al Comune di Torino. Nella speranza di ottenere un’audizione, un incontro chiarificatore. Per evitare manifestazioni o il classico muro contro muro che di solito non porta da nessuna parte. “Fino a che non avremo delle risposte continueremo a protestare a voce alta – spiega il presidente del Ccst Angelo Martino -. E’ giusto che la Città ci dia delle risposte, abbiamo raccolto firme contro la chiusura di alcuni locali e chiesto di non cancellare il progetto della linea Due della metropolitana”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovi volantini contro le forze dell'ordine "Ecco come colpire il nemico"

TorinoToday è in caricamento