Chiomonte, arrivate viti e bulloni per la talpa. I No Tav minacciano ancora Esposito

Sono arrivate le viti e i bulloni necessari per assemblare la talpa della Tav. Intanto, una nuova lettera di minacce è stata indirizzata al senatore Pd Stefano Esposito

La talpa che scaverà il tunnel della Torino-Lione ormai è arrivata quasi completamente al cantiere di Chiomonte. Smontata, s'intende, ma assemblare i vari pezzi non sarà difficile: oggi sono arrivate le viti e i bulloni per montare i componenti del grande macchinario. Il camion che doveva consegnarle ha raggiunto l'area dei lavori viaggiando sull'autostrada Torino-Bardonecchia. Il tutto in barba al blocco che i No Tav avevano annunciato.

Già il primo trasporto dei pezzi della talpa era avvenuto senza problemi: i No Tav anche in quell'occasione non hanno agito, salvo poi aggredire un tir olandese che con il Tav non c'entrava niente: una trentina di persone incappucciate si sono letteralmente arrampicate sul mezzo, intimorendo l'autista e bucando anche uno pneumatico.

La tensione attorno al Tav rimane però alta. Soltanto questa mattina è stata consegnata una lettera alla redazione del quotidiano CronacaQui, con delle minacce nei confronti del senatore del Pd Stefano Esposito: "Esposito sei nel mirino", è un passaggio della lettera, a firma "Primula Nera". Si tratta della terza lettera di minacce nei confronti di Esposito, noto per le sue posizioni a favore del Tav.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Dramma nella notte: uomo travolto e ucciso da un'auto pirata

  • Ragazza investita dal treno, morta: è stato un incidente. Circolazione ferroviaria bloccata

  • Giornata mondiale della pizza: ecco dove mangiarla a Torino

Torna su
TorinoToday è in caricamento