Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Centro / Piazza Vittorio Veneto

In piazza Vittorio nightlife “a metà prezzo”. Ma a quale prezzo?

Il "j'accuse" della Consigliera Rampi, che da sempre si batte contro gli eccessi della movida del centro, è rivolto ai gestori irresponsabili e a un'amministrazione comunale lassista

“Nella notte torinese si può bere tutto a metà prezzo, ma in pochi sanno quel che bevono davvero”. Così Emanuela Rampi, Consigliera della 1° Circoscrizione, ha commentato l’ultima delle sue numerose interpellanze sulla vita notturna attorno a piazza Vittorio Veneto. Stando a quanto lamentano la Consigliera e molti residenti, infatti, i gestori dei locali sorti come funghi sulla piazza e nei vicini Murazzi non baderebbero agli effetti di quel che propinano ai propri acquirenti. Si tratterebbe spesso di alcolici di qualità scadente, venduti a prezzi irrisori e per questo consumabili in grandi quantità da tutti, in particolare dai più giovani.

“Il sistema del discount alcolico – ha infatti aggiunto Rampi – invoglia i minorenni ad eccedere nel consumo. Tutti i locali che pubblicizzano questo sistema dovrebbero essere scoraggiati dal Comune a farlo”. Ma le politiche messe in atto finora sono fin troppo permissive, agendo – di fatto – solo nell’apparenza. I controlli sarebbero pochi e inappropriati, e non risolvono certo i veri problemi collegati alla vita notturna in centro. Nessuno, ad esempio, è mai intervenuto con controlli contro la sofisticazione degli alcolici, nè per verificare l’età dei sempre più giovani compratori. 

 E la “patente a punti”? Introdotta qualche mese fa su proposta di alcuni gestori, non avrebbe ancora comportato i miglioramenti in cui si sperava. Che cosa sia stato di questo provvedimento, se l’è chiesto anche la Consigliera Graziella Poggio Sartori, che ha interrogato il Consiglio della 1° Circoscrizione. La risposta non è stata soddisfacente. Risale a pochi giorni fa l’episodio di una violenta rissa a tarda notte in piazza Vittorio. I protagonisti del fattaccio erano armati di spranghe e hanno lasciato alle proprie spalle uno scenario desolante. I Carabinieri sono arrivati solo qualche ora dopo, in tempo per prendere atto dell’accaduto a cose fatte.

Lo sdegno dei residenti per questo ed altri episodi è grande. “La mattina – asserisce una negoziante – è quasi routine pulire i resti sul marciapiede della notte brava, un’attività di certo non divertente”. “La viabilità della piazza – aggiunge un abitante del quartiere – fa sì che tutti vi possano arrivare in macchina, parcheggiando selvaggiamente e stordendo chi abita qui con il suono dei clacson”. 

“Quel che chiedo – ha concluso Rampi – non è di porre dei limiti al divertimento notturno, ma di tutelare i più giovani, intensificando i controlli, e di favorire intrattenimenti culturali”. Basta pensare ad altri quartieri di Torino, in cui la vita notturna, pur altrettanto corposa, ruota non solo attorno all’alcol, ma anche a incontri musicali, reading e quant’altro. Che fare, dunque? Il suggerimento è di prendere come esempio alcuni modelli “virtuosi”: nella Firenze di Renzi le vie più trafficate dalla movida vengono bloccate alle automobili la sera, e c’è chi ha proposto di far chiudere i locali dopo le 2 di notte. Un’altro esempio che il Comune potrebbe seguire è quello delle grandi città come Londra, dove i gestori dei locali sono obbligati ad accertarsi dell’età dei propri acquirenti, pena multe salatissime. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In piazza Vittorio nightlife “a metà prezzo”. Ma a quale prezzo?

TorinoToday è in caricamento