Villaggio olimpico, via libera al protocollo per risolvere l'emergenza profughi

L'obiettivo è superare l’attuale situazione e favorire l’inclusione sociale degli abitanti delle palazzine occupate di via Giordano Bruno

L'ex Moi

E’ stato approvato dall’esecutivo di Palazzo Civico lo schema di protocollo d’intesa che nei prossimi giorni sarà firmato dalla Città di Torino con Prefettura, Città Metropolitana, Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo e Arcidiocesi di Torino.

Obiettivo superare l’attuale situazione di emergenza abitativa e favorire l’inclusione sociale degli abitanti delle palazzine occupate nell’ex Villaggio olimpico di via Giordano Bruno.

L’amministrazione comunale, con risorse messe a disposizione dal ministero dell’Interno, attiverà progetti e percorsi di accoglienza finalizzati a favorire, per i profughi e i richiedenti asilo, il raggiungimento dell’autonomia abitativa e il loro inserimento nel mondo del lavoro, anche attraverso iniziative di formazione e orientamento al lavoro e di integrazione sociale e culturale.

Per realizzare le iniziative indicate nel protocollo sono previsti stanziamenti da parte della Compagnia di San Paolo e della Regione Piemonte, attraverso fondi strutturali. La Città Metropolitana assicurerà servizi di istruzione e formazione professionale, mentre la Diocesi aprirà le porte di immobili di sua proprietà.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo un giornata di sciopero: possibili disagi

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Le "soffia" il parcheggio e lui scende dall'auto, la insulta e le stringe il collo

Torna su
TorinoToday è in caricamento