Cronaca

Torino, vignetta antisemita su Facebook: indagata la consigliera Monica Amore

Dopo un esposto della comunità ebraica

Il manifesto elettorale di Monica Amore

Monica Amore, 45enne consigliera comunale del Movimento 5 Stelle di Torino, adesso è indagata per diffamazione aggravata dall'odio razziale. Il procuratore aggiunto Emilio Gatti ha aperto un fascicolo dopo la vicenda della vignetta con cui la politica ha attaccato il gruppo editoriale Gedi (che pubblica i quotidiani La Repubblica e La Stampa).

Dopo l'inevitabile indignazione del gruppo editoriale, della comunità ebraica e anche del mondo politico (tra cui i suoi compagni di partito, il ministro Luigi Di Maio e la sindaca Chiara Appendino, che avevano condannato il gesto, mentre altri si erano limitati a parlare di svista o leggerezza), la vignetta era stata rimossa da Facebook e Amore si era scusata dicendo di non essere antisemita. Poi aveva chiuso il suo profilo sul popolare social.

Tutto questo evidentemente non è bastato. La comunità ebraica di Torino ha presentato un esposto in procura per l'accaduto e il procuratore Gatti vuole capire se nel comportamento dell'esponente pentastellata vi siano estremi di condotte penali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torino, vignetta antisemita su Facebook: indagata la consigliera Monica Amore

TorinoToday è in caricamento