Invia la foto di una morta d'infarto al collega: vigile rischia processo per vilipendio di cadavere

Denuncia della nipote agente

immagine di repertorio

Un commissario della polizia locale di Torino rischia un procedimento penale per avere inviato via Whatsapp a un collega la foto di una donna morta per infarto in via Pavese il 23 settembre 2016. L'accusa è di vilipendio di cadavere. Il processo (udienza preliminare) si aprirà il prossimo 22 maggio 2019.

A denunciarlo è stata la nipote della vittima che, per una strana casualità, lavora anche lei nella stessa polizia locale. La donna aveva saputo dell'immagine, corredata dalla scritta "È ancora calda", soltanto alcune settimane dopo e si era rivolta ai suoi superiori per chiedere che il collega fosse punito, ma non aveva ottenuto alcun riscontro. Si è così rivolta all'avvocato Roberto Lamacchia per tentare la via giudiziaria.

Il procuratore aggiunto (ora capo facente funzione) Paolo Borgna aveva però chiesto a sua volta l'archiviazione del caso. Il giudice per le indagini preliminari Rosanna La Rosa, però, è respinto la richiesta e ha ordinato l'imputazione coatta del commissario, che ora dovrà affrontare quantomeno l'udienza preliminare del processo, assistito dall'avvocato Roberto De Sensi.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

  • Bagnet verd, la tipica salsa piemontese: assaggiatela coi tumin

  • Come combattere la piaga dei punti neri

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento