La seconda professione del pensionato: ha aperto un maxi-shop online per vendere il Viagra

Sequestrati tutti i farmaci

Le pastiglie e l'altro materiale sequestrato dalla guardia di finanza a Mirafiori Sud

La guardia di finanza di Torino ha scoperto, a inizio maggio 2019, una sorta di farmacia illegale online dedita alla vendita di farmaci per migliorare le prestazioni sessuali.

Dopo una serie di accertamenti, i 'baschi verdi' del Gruppo Pronto Impiego del capoluogo hanno individuato in un 60enne pensionato torinese, residente a Mirafiori Sud, il fornitore di Viagra, Viagra Rosa (destinato ad un pubblico femminile) e Kamagra, tutti prodotti importati illecitamente dal Kenya e venduti fino a 50 euro a compressa a decine di clienti in tutta Italia.

Nel corso delle perquisizioni a casa dell’uomo sono state scoperte centinaia di compresse pronte per essere spedite, nonché tutta la documentazione relativa alle precedenti vendite con l’indicazione dei clienti i quali, nei prossimi giorni, saranno sentiti dalla guardia di finanza. Per acquistare lecitamente questa tipologia di prodotti, infatti, è necessaria una prescrizione sotto stretto controllo medico. I farmaci importati illegalmente dal continente africano (e di conseguenza non sottoposti a controlli medici) sono stati sequestrati.

L’uomo ora dovrà rispondere all‘autorità giudiziaria di frode in commercio, esercizio abusivo della professione medica e di farmacista, vendita abusiva di farmaci e contrabbando.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Aeroporto Torino, Air France lancia il volo per New York a un prezzo stracciato

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

  • Brutto incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, due feriti, circolazione paralizzata

  • Si fa un selfie con Brumotti, ma i poliziotti lo riconoscono: arrestato latitante

Torna su
TorinoToday è in caricamento