Cronaca

Pedonalizzazioni, in Comune aleggia incertezza: "Grandi visioni, ma nulla di fatto"

Dalla centralissima via Roma, ora, le ipotesi e le risorse si spostano verso le vie più periferiche. Intanto, in commissione comunale, il clima d'incertezza ha la meglio

Una storia infinita quella delle pedonalizzazioni - del centro e della periferia - colma di buchi, dubbi ed incertezze. Ma che una certezza, tuttavia, ce l'ha: la mancanza di idee concrete sul da farsi. Almeno, da quanto emerge dall'ennesima commissione sull'argomento di stamane e dai dibattiti susseguiti agli annunci ufficiali dell'assessore alla Viabilità Lubatti che declassano la pedonalizzazione di via Roma alle più urgenti vie periferiche (via Barletta e via Monferrato).

"La giunta ha ribadito delle grandi visioni su una città pedonale e sostenibile - afferma il capogruppo grillino Bertola - per nascondere il fatto che, in sostanza, non ha fatto nulla". Nelle grandi visioni, appunto, un progetto che possa inglobare anche le future decisioni sulla Ztl ed il trasporto pubblico sostenibile, con tanto di bus elettrici che dovrebbero presto arrivare dalla Regione. Un progetto a tutto tondo, insomma, un'ipotesi, appunto. Come sono ipotesi quelle presentate dall'assessorato alla Viabilità in commissione, con tanto di slide che evidenziano le vie per le quali sarebbe prevista una chiusura al traffico. Belle idee, se non fosse altro che dall'assessorato ribadiscono chiaramente che non ci sono date e che, in effetti, come emerge in commissione stessa, neppure ipotesi concrete su come strutturare fisicamente l'intera chiusura al traffico. Tanto che l'assessore al Commercio Mangone propone addirittura un "concorso internazionale di idee per risistemare via Roma".

Cosa pensano turisti e torinesi >>

E pensare che nella commissione di un mese fa, l'Assessore Lubatti era stato invitato dai consiglieri a presentare un progetto un po' più concreto, con tanto di calendarizzazione dei weekend in cui la centrale via Roma sarebbe stata consegnata ai pedoni. Ma ad oggi, a parte un paio di slide, nulla di più. "La chiusura di via Roma nei weekend è già stata approvata su nostra mozione - continua Bertola - per cui basterebbe mettersi lì e chiuderla". Ma a quanto pare, via Roma non è più il nodo centrale, dato che le risorse - derivanti dagli oneri dei parcheggi di piazza Carlina e corso Marconi - dovrebbero essere destinate anche alle vie periferiche che, malgrado il polverone mediatico scatenato nei giorni scorsi sulla centralissima via aulica, hanno improvvisamente acquistato più importanza.

Insomma, un gatto che si morde la coda, un calderone di sperimentazioni e buoni propositi in vista di un anno importantissimo per la Città di Torino dove si prevedono migliaia di turisti.

Secondo le dichiarazioni più recenti via Roma dovrebbe essere chiusa al traffico a partire da Natale, ma visto l'andazzo i dubbi sono leciti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedonalizzazioni, in Comune aleggia incertezza: "Grandi visioni, ma nulla di fatto"

TorinoToday è in caricamento