Cronaca Borgo Vittoria / Via Paolo della Cella

Borgo Vittoria: inseguiti dalla polizia si schiantano contro un furgone, due arresti

In manette due pregiudicati marocchini, autori di numerosi reati prima di darsi alla folle fuga. Trovati cellulari, navigatori, targhe e un lettore dvd

Hanno perpetrato una quantità inenarrabile di reati in pochissime ore, per poi fuggire via diretti verso il paese di origine. Tuttavia le cose non sono andate per nulla lisce e ad arrestarli ci hanno pensato i poliziotti. 

I protagonisti di questa folle storia sono due 24enni marocchini, entrambi già pregiudicati per reati contro il patrimonio e la persona. Alla guida di una Fiat Panda rubata, i malviventi vengono intercettati in via Reiss Romoli da una volante della polizia. Gli agenti, a cui la centrale operativa aveva diramato una nota di ricerca relativa al veicolo, si mettono immediatamente all’inseguimento dello stesso. Inseguimento nel corso del quale il guidatore della Panda si improvvisa “pilota” generando il panico tra la folla e andando più volte ad impattare sia contro le auto parcheggiate sia contro quelle in movimento - quattro i veicoli coinvolti nelle collisioni - senza disdegnare manovre azzardate nel tentativo di speronare anche la vettura della polizia. 

La corsa dell’utilitaria termina in via Paolo della Cella, quando quest’ultima va a schiantarsi contro un furgone. Scesi dall’auto, gli stranieri vengono prima soccorsi e quindi arrestati dagli agenti. Da accertamenti emerge che il guidatore non solo è destinatario di un provvedimento di diniego del rinnovo del permesso di soggiorno, ma non ha nemmeno mai conseguito la patente. Nelle tasche del complice invece, gli operatori trovano un biglietto aereo Cuneo-Casablanca con partenza alle 10.35. Le successive perquisizioni in auto permettono di rinvenire - oltre a un trolley con numerosi effetti personali - nove telefoni cellulari, un navigatore Tom Tom, un telepass, un frontalino autoradio, una targa automobilistica e un lettore dvd.

Prima che iniziasse la folle fuga, i due balordi avevano compiuto numerosi furti e rapine in più punti della città. Nello specifico, alle 9.25, in via Carlo Porta, i due avevano sottratto lo smartphone a un cittadino italiano. Successivamente, in via Bologna si erano resi responsabili di un tentato furto ai danni del titolare di un esercizio commerciale. In via Ricasoli, intorno alle 10.40, a essere rapinata del telefono è stata invece una donna, mentre in via Bricca un’altra signora è stata trascinata sull’asfalto in un tentativo di scippo. I due stranieri dovranno ora rispondere di reati plurimi, rispettivamente resistenza in concorso a pubblico ufficiale, ricettazione, rapina aggravata e tentata rapina pluriaggravata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borgo Vittoria: inseguiti dalla polizia si schiantano contro un furgone, due arresti

TorinoToday è in caricamento