Cronaca Barriera di Milano / Via Niccolò Paganini

Barriera di Milano, ecco lo "Spazio Flic": una nuova "palestra" per gli artisti circensi

Un'area che si inserisce nel contesto di riqualificazione urbana, di cambiamento sociale, culturale ed economico del quartiere periferico di Torino

Il nuovo spazio Flic in via Paganini

Da oggi è ufficialmente aperto lo "Spazio Flic" realizzato dalla Scuola di Circo di Torino all'interno di un hangar industriale in Barriera di Milano. Si tratta di un'area di 700 metri quadrati e nuova di zecca, alla quale si accede da via Paganini, dedicata all'allenamento libero circense.

La grande "palestra", dotata di tutte le attrezzature necessarie agli artisti circensi, è ospitata sulla superficie che accoglie il progetto culturale Bunker, un vero e proprio contenitore indipendente di arte urbana dove trovano sfogo spettacoli, esibizioni e attività sportive, al chiuso e all'aria aperta. Un interessante angolo di uno dei quartieri più periferici di Torino che si inserisce in un contesto di riqualificazione urbana, di cambiamento sociale, culturale ed economico.

Il nuovo "Spazio Flic" è stato realizzato grazie all'aiuto di studenti e professori e soprattutto a "Prospettiva Circo", un progetto artistico triennale di Flic che il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo ha premiato con il suo inserimento nei sei progetti nazionali di perfezionamento professionale scelti per il triennio 2015/2017.

La palestra ospiterà parte delle lezioni dei corsi ma sarà aperta soprattutto agli allenamenti di chi si dedica all'attività circense e vuole migliorare ancora la sua preparazione fisica e atletica. E' stata raggiunta così una nuova e importante tappa nel percorso avviato 15 anni fa dalla Flic, sull'onda di una forte passione per il circo contemporaneo nata in seno alla Reale Società Ginnastica di Torino, la società sportiva più antica d'Italia che però ha accolto con entusiasmo questo processo di rinnovamento.   

E fra poco, esattamente il 23 gennaio, partirà la terza edizione di "Citè 2016", la rassegna internazionale di circo e teatro organizzata da Flic che si svolgerà nella particolare cornice del Teatro Concordia di Venaria Reale, affermando così ancora una volta uno dei concetti cardine della scuola torinese, cioè che "il circo si può fare anche fuori dal tendone". Un'emozionante parentesi di circo contemporaneo dal linguaggio multidisciplinare, dove non mancano la poetica e molte altre componenti che avvicinano questa innovativa disciplina alla danza, alla musica e al teatro.

Il calendario della manifestazione prevede tre appuntamenti con la partecipazione di tre compagnie di circo di livello internazionale. Il 23 gennaio toccherà ai francesi di My!Laika che porteranno in scena, in un'atmosfera surreale ma umanamente profonda, il tema dell'apocalisse; il 12 marzo sarà la volta della compagnia franco-belga Lapsus interprete, con un'ironia eccezionale, del tema della guerra e infine il 2 aprile concluderanno la rassegna gli artisti catalani di Eia, impegnati in uno spettacolo di acrobazia pura, al limite delle leggi della fisica.

https://www.youtube.com/watch?v=Pf31Xr9o2pk 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barriera di Milano, ecco lo "Spazio Flic": una nuova "palestra" per gli artisti circensi

TorinoToday è in caricamento