Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Nizza Millefonti / Via Nizza, 294

La denuncia dei negozianti: "I cantieri di via Nizza peggio della crisi"

I lavori per la stazione Italia '61 stanno uccidendo il commercio. A denunciarlo i negozianti, che hanno esposto i loro problemi ieri al Diritto di Tribuna

La prima vittima, il cantiere della metropolitana l’ha fatta il 31 dicembre, con il licenziamento della dipendente di un negozio di telefonia, la Elektro Lab Assistance. E gli altri esercizi commerciali potrebbero seguire a ruota l’esempio, o addirittura chiudere. Non hanno usato giri di parole i negozianti di via Nizza che ieri, al Diritto di Tribuna, hanno spiegato quanto il cantiere della linea 1 del metrò li stia penalizzando. Ancor più li opprime la chiusura totale di via Nizza tra le vie Caramagna e Sommariva: una breve porzione, che tuttavia costringe le auto ad un lungo periplo passando per via Genova. E gli esercizi che operano nell’area di cantiere sono alla canna del gas.

“Le spese aumentano, le scadenze sono da pagare e gli introiti sono in continuo calo, in media si parla di una perdita di circa il 50%. Ad oggi il costo che ci viene chiesto di pagare è troppo alto rispetto a ciò che abbiamo in cambio (promesse di sgravi su Tarsu/Tares, Cimp e Cosap in attesa di approvazione di bilancio)”, affermano i negozianti. Il peggio, per loro, è avvenuto sotto Natale: informati poco prima che la via sarebbe stata chiusa completamente, hanno chiesto di spostare l’inizio dei lavori; niente da fare, il cantiere è partito il 29 novembre come da programma, salvo poi fermarsi per le festività natalizie.

Per accedere ai neg3. cantiere via Nizza - foto GCavalloozi, oggi si passa per una specie di budello che chiaramente disincentiva il passaggio della gente. Ciliegina sulla torta: i negozianti lamentano che il cantiere sia più fermo che in attività; per di più, i lavori non occupano nemmeno tutta la careggiata. Ecco dunque la richiesta dei commercianti, di riaprire al traffico la via.

Il prolungamento dei lavori per la metropolitana sta uccidendo il piccolo commercio in via Nizza – commenta Fabrizio Ricca, capogruppo della Lega Nord in Comune a Torino, che annuncia di voler presenare una mozione per l’azzeramento della Tarsu che valga nel periodo dei cantieri – Urge intervenire immediatamente con sgravi fiscali per tutti i commercianti della zona che dall’inizio dei lavori ad oggi hanno continuato a versare nelle casse comunali le tasse, anche a fronte degli incassi mai realizzati a causa della pessima gestione comunale di trasporti e viabilità”.

1. cantiere via Nizza - foto GCavalloAnche Andrea Tronzano, capogruppo Pdl, si schiera dalla parte dei commercianti: "Non possiamo assistere ancora a lungo a questa viabilità monca. – afferma –  Se gli interventi sugli sgravi e sul credito andranno avanti perchè le risposte sono state chiare, non possiamo aspettare a riaprire via Nizza nel tratto interessato, anche perchè nel tratto del Lingotto e di Eataly la via non è stata chiusa al traffico"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La denuncia dei negozianti: "I cantieri di via Nizza peggio della crisi"

TorinoToday è in caricamento