Bambino di otto mesi folgorato da una scarica elettrica, è gravissimo

Sono disperate le condizioni di un bimbo di otto mesi, di origini marocchine, rimasto folgorato dall'elettricità nel suo appartamento in via Andreis. La scossa è stata presa mentre giocava con una presa della corrente

Ha messo il cacciavite nella presa di corrente ed è rimasto folgorato.

Il gravissimo incidente si è consumato in via Andreis, una traversa di corso Giulio Cesare. E' gravissimo il bambino di otto mesi che è stato investito da una fortissima scarica elettrica mentre giocava.

I soccorritori intervenuti sul posto sono riusciti a rianimare il piccolo con un massaggio cardiaco, ad intubarlo e trasportarlo d'urgenza al Pronto Soccorso dell'ospedale Maria Vittoria. Le sue condizioni sono disperate.

AGGIORNAMENTO ORE 22.30 A quasi cinque ore dall'incidente il bambino di otto mesi è stato trasferito nel reparto di rianimazione dell'ospedale infantile Regina Margherita. Ha avuto tre arresti cardiaci durante il trasporto in ospedale, ma è riuscito a riprendersi. I medici si sono riservati la prognosi e non si sbilanciano sulle sue possibilità di sopravvivenza.

Secondo quanto raccontato dai genitori ai carabinieri, il piccolo era in soggiorno con la mamma e con il papà quando ha toccato dei fili elettrici collegati ad un computer, un telefono cellulare e un caricabatteria, che sono stati sequestrati. L'impianto elettrico è apparentemente a norma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

Torna su
TorinoToday è in caricamento