menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Due chili d’oro e un albergo pagati con 500mila euro falsi: è caccia agli autori della truffa  

A Torino durante la trattativa per la vendita di un hotel in Polonia

Se n’è andato lasciando un borsone con circa 500mila euro falsi e con, tra le mani, due lingotti d’oro del valore di 85mila euro ciascuno. A portare a compimento la truffa internazionale ai danni di un agente immobiliare tedesco e del suo cliente, un imprenditore polacco, è stato un uomo che fino a quel momento non aveva partecipato alla trattativa durata alcuni mesi.

A centro del contendere un hotel in Polonia. A Torino a metà settimana le controparti si sono incontrate in una pizzeria: da una parte l’agente immobiliare tedesco accompagnato da un amico, dall’altra l’intermediario sconosciuto. 

La richiesta fatta all’agente immobiliare tedesco era quella di poter comprare non solo l’immobile polacco, ma anche dell’oro. La trattativa, per quanto anomala, è parsa plausibile: i falsi acquirenti avevano offerto un’ingente somma di denaro in contanti. Ecco allora che all’incontro a cena si presenta il nuovo intermediario per coloro che sono interessati all’acquisto.

L’uomo riesce ad uscire dalla pizzeria (e a dileguarsi) con due lingotti da un chilo ciascuno per un valore di circa 85mila euro e a lasciare ai venditori un borsone con circa 500mila euro falsi.

Sul caso indagano gli investigatori del commissariato Barriera Nizza ai quali l’agente immobiliare tedesco ha sporto denuncia. Occorrerà partire dell’identikit di colui che ha lasciato il borsone con le banconote false per risalire ai suoi complici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento