menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Atti vandalici alla Polisportiva di Carignano, l'ennesima denuncia contro ignoti

La sede di allenamento delle ragazze della ginnastica ritmica ha subito questa notte un danno enorme. E non è la prima volta che succedono fatti di questo tipo

Atti vandalici la notte scorsa alla tensostruttura di via Roma, dove si allenano gli atleti della Polisportiva di Carignano. Non è la prima volta che succedono fatti di questo genere ma l'ultima è sicuramente stata la classica goccia che fa traboccare il vaso.

Le bambine della ginnastica ritmica, gruppo che ormai da diversi anni è una realtà sportiva concreta in paese, oggi hanno trovato una sgradita sorpresa. Il telone dello spazio coperto dove si allenano solitamente è stato tagliato e rovinato dai vandali nella notte.

Si tratta di uno squarcio di circa 4 metri sul lato lungo della tensostruttura, un danno enorme visto che si sta andando verso i mesi autunnali e non certo verso il bel tempo e visto anche che i teloni che ricoprono queste strutture hanno costi esorbitanti.

Da circa due anni questa sede di allenamento è stata presa di mira. Furti innumerevoli al bar della Polisportiva con porte e serrature spaccate; atti di vandalismo negli spogliatoi e molto altro ancora.

"Il gabbiotto che si trova all'interno della tensostruttura - spiega una delle allenatrici del gruppo di ritmica, Alice Alberto -, dove noi teniamo lo stereo e gli attrezzi per gli allenamenti, tempo fa è stato aperto e ci è stato portato via tutto. Coloro che si comportano in questo modo non si rendono conto del danno che ci fanno".

E non è finito qui l'elenco dei danni con cui la Polisportiva ha dovuto avere a che fare. Le pedane su cui si allenano le bambine - che costano circa 4500 euro l'una e che sono state acquistate dall'associazione nel tempo, con sacrifici non da poco - qualche mese fa, sono state trovate tagliate, sporcate e coperte da bottiglie di birra abbandonate.

"Le denunce contro ignoti sono state fatte diverse volte - ha spiegato Alice - ma purtroppo finora non è servito a nulla. Anzi, ultimamente le cose sono peggiorate".

Sui possibili colpevoli non si sa nulla anche se in paese circola l'opinione che possa trattarsi di bravate di ragazzi del posto che forse per dispetto, o per noia, provocano ormai in maniera quasi abituale, danni consistenti alla struttura. Non si rendono conto però che il danno più grando lo fanno soprattutto a quei giovani che, diversamente da loro, dedicano il loro tempo e le loro energie alla loro passione: lo sport. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Telepass Store, a Torino aperto il secondo punto vendita in Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento