rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca Crocetta / Corso Vittorio Emanuele II, 58

Treno del mare devastato e in ritardo: sette giovanissimi nei guai

Identificati come responsabili

Sono sette, alla fine delle indagini condotte dalla polizia ferroviaria, i ragazzi indagati per avere devastato, il 16 aprile 2017, il treno interregionale Ventimiglia-Torino. All'indomani dell'accaduto erano stati identificati 30 giovani, la maggior parte dei quali  è dunque riuscito a passare indenne le forche caudine dell'inchiesta.

Il pm Paolo Scafi contesta all'unico maggiorenne, un marocchino residente nella zona delle Vallette (difeso dall'avvocato Stefano Tizzani) i reati di danneggiamento aggravato e interruzione di pubblico servizio. Degli altri sei (anche loro della stessa nazionalità), invece, si sta occupando la procura dei minori.

Tra i fatti che vengono contestati loro ci sono il lancio degli schienali dei sedili dai finestrini, l'avere rotto vetri a martellate, l'avere tirato il freno d'emergenza senza motivi validi. Erano, inoltre, tutti senza biglietto come gran parte di coloro che affollavano l'ultimo vagone quel giorno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treno del mare devastato e in ritardo: sette giovanissimi nei guai

TorinoToday è in caricamento