Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca Barriera di Milano / Corso Novara, 117

Vandali allo Scalo Vanchiglia, devastato il ricovero per i randagi

Cinque blitz in una settimana. E' questo il risultato di un raid vandalico che ha avuto come unico obiettivo quello di danneggiare la colonia felina del borgo Rossini

Casette abbattute, ripari scoperchiati e teli di nylon strappati senza pietà. Un accanimento incredibile, frutto di cinque raid vandalici in appena sei giorni. Allo Scalo Ferroviario Vanchiglia si respira da giorni un’aria particolare. Ignoti hanno assalito la colonia felina mettendo a dura prova la pazienza dei volontari. Tutti i colpi messi a segno in una settimana, la scorsa. “Ci hanno risparmiati solo martedì – racconta una delle volontarie mostrandoci quanto accaduto -. Hanno buttato tutto l’aria, senza la minima logica. E proprio non riusciamo a capire perché lo hanno fatto”.

Una strage secondo quelle persone che stanno facendo l’impossibile per garantire cibo, acqua e una casa ai mici del vecchio Scalo. Quel deposito che un anno fa ospitava ancora senzatetto e rom. Prima dell’arrivo dei privati e della bonifica. Ignoti, ad oggi, coloro che si sono accaniti selvaggiamente sul ricovero dei randagi, regolarmente autorizzato e censito dall'ufficio Tutela Animali del Comune di Torino.

Ma i danni parlano chiaro e testimoniano la necessità di nuovi controlli. I tetti di quasi tutte le casette sono stati scoperchiati, le cucce messe sottosopra, il cibo gettato in giro, i teli strappati. “In passato è capitato che qualcuno cercasse di portar via il materiale dai ripari - spiega una volontaria -. Cioè pannelli di legno, tele cerate e teli di nylon. Ma questa volta pensiamo che si sia trattato solo di puro vandalismo, fine a se stesso”. Dopo un primo blitz, infatti, ne è seguito un altro. E poi altri tre, l’ultimo venerdì.

Colpi messi a segno di notte che hanno mandato su tutte le furie anche la Lega italiana per la difesa del gatto che da anni lotta per salvare le colonie feline del quartiere e che ha deciso di presentare una denuncia alla polizia municipale di via Leoncavallo. “Noi crediamo che questa gente si introduca nell’area dopo la fine dell'orario di servizio dei dipendenti Amiat – spiega la vicepresidente Linda Quirico -. Ma noi non possiamo certo fare i turni per controllare la colonia. Per questo chiederemo di mettere in sicurezza il perimetro, chiudendo i cancelli dopo un certo orario”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vandali allo Scalo Vanchiglia, devastato il ricovero per i randagi

TorinoToday è in caricamento