Valle Orco, ritornano i lupi: agnelli, pecore e caprette sbranati in quota

Secondo i primi accertamenti da parte del servizio veterinario del Gran Paradiso, non è ancora chiaro se possa essere stato un branco o qualche esemplare isolato ad aver attaccato le mandrie

In Valle Orco, nella zona di Noasca, sono stati trovati in quota, circa quaranta animali uccisi. Sono infatti tornati i lupi nel Parco Nazionale del Gran Paradiso e purtroppo a rimetterci sono stati agnelli, caprette e pecore lasciati incustoditi nei pascoli. Secondo i primi accertamenti da parte del servizio veterinario del Gran Paradiso, non è ancora chiaro se possa essere stato un branco o qualche esemplare isolato ad aver attaccato le mandrie.

Una cosa però è certa e in qualche modo va a rassicurare i residenti che dopo aver appreso la notizia, hanno iniziato a mostrare qualche preoccupazione: i lupi in branco non si avvicinano alle persone, soprattutto perchè si tratta di "lupi italiani", una specie che in natura, è timorosa dell'uomo e tende a stargli lontano.

Il ritorno del lupo nell'alto Canavese, avvenuta circa un anno fa, è una migrazione naturale: nessun esemplare è stato reintrodotto dall'uomo, si tratta di un ritorno spontaneo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio da favola per Cristina Chiabotto e Marco Roscio: la festa alla Reggia

  • Mancano le autorizzazioni per vendere: chiusa la panetteria del centro commerciale

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Ragazzo di 18 anni si butta dal quarto piano, è gravissimo

  • Addio a Giuseppe, il papà con la passione della auto storiche, e alla figlia Nicole

  • Scomparsa da una settimana: trovata morta nel pomeriggio

Torna su
TorinoToday è in caricamento