Val Susa, 12 cassaintegrati scoperti a lavorare in nero

Quattro di loro oltre allo stipendio percepivano l'indennità di disoccupazione

Lavoravano “in nero”, in barba a tutte le leggi anche quelle etiche, nonostante avessero gli ammortizzatori sociali. 

La Guardia di Finanza di Torno nel corso di un controllo ad una nota azienda della Val Susa, che commercializza materiale elettrico, ha accertato che dodici lavoratori, quasi l’intero staff dell’impresa, prestavano la loro opera totalmente “in nero”, esposti in tal modo ad elevati rischi in termini di sicurezza e di garanzie assistenziali.

Quattro di questi lavoratori in nero, tutti italiani tra i trenta e quarant’anni, percepivano oltre allo stipendio, su cui tra l’altro non pagavano un euro di imposta, l’indennità di disoccupazione e per questo sono stati denunciati, dai Finanzieri della Compagnia di Susa, alla Procura della Repubblica di Torino per il reato di truffa ai danni ai danni dello Stato.
 

Potrebbe interessarti

  • Sagre, feste e prodotti tipici: 6 appuntamenti da non perdere a luglio

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • "Quando la bicicletta non sta sul balcone"

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Terribile scontro fra due veicoli: morto un papà, due feriti

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento