Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Vaccinazioni dei bambini, calo contenuto nella regione Piemonte

L'allarme però è anche piemontese quando si parla di morbillo: sebbene le percentuali siano sempre superiori alla media nazionale, i bambini vaccinati contro il morbillo sono calati dal 2011 di più di due punti percentuali

Negli ultimi giorni le vaccinazioni per i più piccoli hanno fatto molto discutere. Nel paese infatti sono circa 5000 i bambini che ogni anno non vengono vaccinati contro malattie pericolose per la vita quali tetano, difterite e poliomielite e circa 10.000 non ricevono nei tempi giusti le vaccinazioni per rosolia e morbillo.

Si tratta di un fenomeno che preoccupa sempre di più, dovuto quasi sempre alla cattiva informazione, e che comunque rileva differenze tra una regione e l'altra. Solo in Piemonte e in Sardegna le coperture per le malattie prevenibili con il vaccino esavalente sono piuttosto stabili. Nelle altre zone d'Italia invece si nota il calo, pari a oltre l'1,5% nelle coperture per difterite, polio e epatite B e di quasi oltre il 5% per la copertura di malattie esantematiche. 

In Piemonte tuttavia i numeri consolano. Nel 2014, nella nostra regione - mentre in Italia la media è ferma sotto il 95 % - i bambini vaccinati contro la poliomielite sono stati il 96,2%, quelli contro il tetano il 96,4%; contro la pertosse il 96,1% e per l'epatite B il 95,7%. 

L'allarme però è anche piemontese quando si parla di morbillo: sebbene le percentuali siano sempre superiori alla media nazionale - 90,5% contro l'86% -, si è comunque registrato un calo non indifferente. Rispetto al 2011 i bambini vaccinati contro il morbillo sono diminuiti di più di due punti percentuali. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccinazioni dei bambini, calo contenuto nella regione Piemonte

TorinoToday è in caricamento