Presta 880 euro ma quando la vittima prende lo stipendio ne rivuole 1.260: arrestato

Tasso usurario del 43%

immagine di repertorio

Un italiano di 49 anni è stato arrestato dai carabinieri della stazione Regio Parco, in flagranza di reato, con l'accusa di usura all'ora di pranzo di lunedì 27 luglio 2020 in largo Sempione. Era ai giardini Impastato e stava riscuotendo 1.260 euro da una donna di 40 anni a cui ne aveva prestati 880, con un interesse del 43% su base annua.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari sono stati avvisati dalla vittima, che quel giorno aveva percepito lo stipendio e proprio per questo era stata chiamata a restituire la somma. L'usuraio, infatti, era solito informarsi sui redditi e sulle attività delle sue vittime, in modo da poterle tenere in pugno. I militari dell'Arma stanno cercando di capire se avesse altri clienti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autoparco comunale, Palazzo Civico vende 127 veicoli mediante asta pubblica: l’elenco 

  • Terribile tragedia nella notte: uccide il figlio di 11 anni a colpi di pistola e poi si spara

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Prodotti tipici, feste di via e festival: cosa fare a Torino sabato 26 e domenica 27 settembre

  • Elezioni comunali 2020 a Moncalieri: Montagna trionfa al primo turno

  • Incidente mortale in città: a perdere la vita uno scooterista di 30 anni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento