menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'autolavaggio Pit Stop sequestrato a Nichelino

L'autolavaggio Pit Stop sequestrato a Nichelino

Due clan campavano di usura e altri reati: 11 arresti. Sequestrato anche un autolavaggio a Nichelino

Oltre a un gran numero di beni mobili e immobili

Ha toccato anche la provincia di Torino (in particolare la cintura sud e ovest) l'inchiesta dei carabinieri della compagnia di Imperia, coordinati dalla procura di Asti, che ha portato all'esecuzione, nella mattinata di sabato 24 aprile 2021, di 11 arresti (sei in carcere e cinque ai domiciliari) nei confronti di persone di etnia sinti (si tratta di due nuclei familiari di Asti) accusate, a vario titolo, di numerosi reati di usura, ricettazione, riciclaggio e intestazione fittizia di valori.

Oltre agli arresti, i militari dell'Arma hanno proceduto al sequestro preventivo di una villa ad Asti del valore stimato di 250mila euro e dell'autolavaggio Pit Stop di via Buonarroti a Nichelino del valore 60mila euro, contanti per 330mila euro, sei chili e mezzo d’oro in lamine per un valore di 350mila euro, due autoveicoli (una Bmw serie 5 e una Fiat 500) per un valore complessivo di 50mila euro, nonché preziosi tra cui spicca un bracciale in oro con 70 diamanti e analoghe pietre 20 carati per un valore del valore di 30mila euro.

Inoltre, nella fase esecutiva, i Carabinieri hanno sequestrato altri beni, quale corrispettivo per equivalente degli introiti di derivazione illecita riconducibili in particolare all’attività di usura, pari a 110mila euro, oltre a documentazione utile per ulteriori approfondimenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento