Cronaca

Lo strozzino è detenuto ma manda i suoi scagnozzi a picchiare un commerciante: nuovo arresto

Pestaggio documentato col telefonino

immagine di repertorio

Un 31enne di Cirié che sta scontando una pena detentiva in una comunità dell'Agrigentino, in Sicilia, è stato raggiunto da un nuovo ordine di arresto per usura ed estorsione a metà aprile 2019 per avere vessato e fatto malmenare dai suoi scagnozzi, facendosi documentare i pestaggi con il telefonino, un 46enn commerciante di San Maurizio Canavese a cui aveva prestato 1.500 euro che lui non era riuscito a restituire con gli interessi usurari in due settimane.

La vicenda era avvenuta a novembre 2018, quando il negoziante, che opera nel settore dell'elettronica, aveva chiesto aiuto per evitare di essere sfrattato. Da 1.500 euro di prestito la cifra era lievitata a 2.100, poi a 3.500 fino a raggiungere i 5mila euro. Lo scorso febbraio 2019, dopo che lui aveva consegnato televisori, tablet, assegni postdatati e 500 euro in contanti, era scattato il pestaggio. A quel punto la vittima aveva denunciato tutto ai carabinieri che, dopo un paio di mesi d'indagine, erano risaliti allo strozzino.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo strozzino è detenuto ma manda i suoi scagnozzi a picchiare un commerciante: nuovo arresto

TorinoToday è in caricamento