Lo strozzino è detenuto ma manda i suoi scagnozzi a picchiare un commerciante: nuovo arresto

Pestaggio documentato col telefonino

immagine di repertorio

Un 31enne di Cirié che sta scontando una pena detentiva in una comunità dell'Agrigentino, in Sicilia, è stato raggiunto da un nuovo ordine di arresto per usura ed estorsione a metà aprile 2019 per avere vessato e fatto malmenare dai suoi scagnozzi, facendosi documentare i pestaggi con il telefonino, un 46enn commerciante di San Maurizio Canavese a cui aveva prestato 1.500 euro che lui non era riuscito a restituire con gli interessi usurari in due settimane.

La vicenda era avvenuta a novembre 2018, quando il negoziante, che opera nel settore dell'elettronica, aveva chiesto aiuto per evitare di essere sfrattato. Da 1.500 euro di prestito la cifra era lievitata a 2.100, poi a 3.500 fino a raggiungere i 5mila euro. Lo scorso febbraio 2019, dopo che lui aveva consegnato televisori, tablet, assegni postdatati e 500 euro in contanti, era scattato il pestaggio. A quel punto la vittima aveva denunciato tutto ai carabinieri che, dopo un paio di mesi d'indagine, erano risaliti allo strozzino.

Potrebbe interessarti

  • Scarafaggi in casa? Ecco come allontanarli

  • Come vestirsi ad un matrimonio estivo? Tutti i consigli, dall'abito agli accessori

  • Auto sui binari del tram

  • Festival musicali: la guida ai concerti dell'estate 2019 a Torino e in Piemonte

I più letti della settimana

  • Si toglie la vita gettandosi dal balcone: muore un uomo

  • Si toglie la vita con un colpo di pistola: aveva solo 30 anni

  • Scontro tra auto e moto sul rettilineo: morto giovane centauro

  • Violenta grandinata in tutta l'area metropolitana: chicchi di diversi centimetri

  • Addio a Max e alla sua passione per i motori, il ricordo degli amici

  • Perdono il controllo dell'auto all'incrocio e ne centrano altre due: feriti

Torna su
TorinoToday è in caricamento