Brandizzo, sotto il treno che corre ai 300 all'ora: salvo

L'uomo, un 44enne, aveva ingerito numerosi farmaci prima di distendersi sui binari della Torino-Milano

E’ riuscito a sopravvivere nonostante gli sia passato un treno sopra. Il Frecciarossa Roma-Milano-Torino gli è sfrecciato sopra il corpo ai trecento all'ora, ma per lui nemmeno un graffio.

Protagonista della vicenda è un 44enne che domenica sera, intorno alle 21, aveva intenzione di togliersi la vita ingerendo una massiccia dose di farmaci. Così ha fatto e poi si è coricato tra i binari dell’alta velocità vicino alla stazione di Brandizzo. Il treno aspettato è arrivato a forte velocità, ma non l’ha ferito e neppure travolto.

L’enorme spostamento d'aria non l’ha smosso dal varco tra la massicciata e la "pancia" del convoglio. Il macchinista, spaventato, alla vista del corpo tra i binari ha azionato la frenata rapida, ma il Frecciarossa gli è comunque passato sopra senza conseguenze.

L’uomo è finito comunque all’ospedale di Chivasso, in gravi condizioni, per i farmaci che aveva ingerito per tentare di togliersi la vita.

Domenica sera la circolazione sulla Milano-Torino è stata bloccata e gli altri Frecciarossa e Italo sono stati dirottati sulla linea ferroviaria tradizionale. Il convoglio coinvolto nel tentativo di suicidio è arrivato alla stazione di Porta Susa con due ore di ritardo. 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Serata di inferno sotto la pioggia in tangenziale: due incidenti, un morto e quattro feriti

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Brutto incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, due feriti, circolazione paralizzata

Torna su
TorinoToday è in caricamento