Aggredisce i clienti del ristorante e poi gli avventori in strada, ubriaco bloccato

Poi obbligo di dimora

I carabinieri intervenuti al ristorante cinese Fumi di Castellamonte

Un italiano di 23 anni residente a Castellamonte è stato arrestato dai carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Ivrea nella notte di domenica 15 settembre 2019 per disturbo alla quiete pubblica, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.

Completamente ubriaco, ha aggredito i clienti del ristorante cinese Fumi di via Nigra, nel suo paese e poi anche alcuni avventori in strada. Quando è arrivata la pattuglia ha continuato nel suo atteggiamento violento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'uomo è stato posto ai domiciliari e, dopo la convalida, è stato liberato con l'obbligo di dimora in paese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  •  Piemonte, coprifuoco dalle 23 alle 5: firmata l’ordinanza

  • Guerriglia in centro a Torino. Vetrine sfasciate, lanci di bottiglie e bombe carta. Gli agenti rispondono con cariche

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di lunedì 26 ottobre 2020. Boom di ricoveri, ma indice contagio scende

  • Coronavirus in Piemonte: il bollettino di domenica 25 ottobre 2020. Tasso di contagio al 18%

  • Domani sera a Torino due manifestazioni contro le limitazioni sul coronavirus

  • Bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti nel weekend. "Rischio di stop definitivo"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento