menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

In vacanza nel salento si perde in mare, venariese salvato e multato

Un 44enne di Venaria Reale stava facendo un'immersione quando di lui si sono improvvisamente perse le tracce. Si era smarrito ed è stato ritrovato dalla Capitaneria. Multato perché senza pallone di segnalazione

In vacanza al mare a Marittima, nel leccese, S.P. un 44enne di origine romana ma residente a Venaria Reale se l'è vista brutta nel pomeriggio di ieri quando aveva deciso di dedicarsi alle immersioni subacquee.

Imbracciato bombola ed erogatore si è immerso nelle acque della frazione del comune di Diso, in località "Acquaviva". Al mare si trovava con la compagna e con alcuni amici, ai quali aveva detto che sarebbe riemerso dopo una mezzoretta, tempo medio di un'immersione. Il tempo è però passato velocemente e dell'uomo nessuna traccia. Trascorse ben tre ore, gli amici hanno chiesto soccorso, ormai in preda alla disperazione.

Sono partite le ricerche da parte dei militari della capitaneria di Gallipoli e dai colleghi dei distaccamenti di Tricase e Castro. In loro supporto, vista la vicinanza geografica del punto, anche i colleghi della capitaneria di Otranto.

In poco tempo il 44enne è stato ritrovato. Si era semplicemente smarrito in mare: dopo aver esaurito l'ossigeno della bombola infatti era riemerso in superficie, ma aveva continuato per tutto il tempo a praticare snorkeling, quindi a nuotare con maschera e tubo. All’origine dello smarrimento, il mancato pallone di segnalazione, obbligatorio per legge. Questa negligenza gli è costata una sanzione amministrativa ma, fortunatamente, il venariese non ha riportato alcuna conseguenza fisica, a parte il forte spavento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento