Cronaca Crocetta / Via Sacchi

Via Sacchi, riapre lo storico Turin Palace Hotel amato da rock star e reali

Dopo un restauro durato sette anni, l'albergo fra dieci giorni aprirà i battenti ad una clientela di lusso: una buona notizia anche per il decoro di via Sacchi

Dopo sette lunghi anni di restauri, il Turin Palace Hotel è quasi pronto. Lo storico albergo in via Sacchi, di fronte alla stazione di Porta Nuova e nel cuore della città, riaprirà alla clientela fra una decina di giorni, pronto a soddisfare le numerose richieste dei turisti che già stanno affollando il capoluogo per la Sindone e presto anche per l'Expo milanese. L'hotel, che chiuse al termine dell'evento olimpico, è stato in seguito oggetto di una restaurazione da 20 milioni di euro voluta dalla proprietà, la società immobiliare del Gruppo Reale Mutua.

Oggi l'edificio che fin dall'800 è stato uno dei più esclusivi di Torino - ospitando nelle sue stanze rock star e reali - si estende su 12 mila metri quadrati ed è composto da 127 camere. I grandi spazi originari sono stati mantenuti così come l'ampio scalone aulico ma il tutto è stato reinterpretato in chiave contemporanea, con arredi lucidi e laccati e illuminazioni high tech.

La struttura alberghiera aprirà il suo ristorante alla clientela esterna e dall'ultimo piano, dove è stato creato un enorme terrazzo con loggia e dove in origine avevano sede solo i locali tecnici, sarà possibile avere una vista panoramica della città a 360 gradi. L'hotel, di categoria 4 stelle ma rivolto principalmente ad una clientela di lusso, avrà al suo interno anche una Spa e sarà gestito dal milanese Piero Marzot, già alla guida dell'Hotel Spadari in piazza Duomo.  

E la riapertura del Turin Palace è una buona notizia non solo per i turisti ma anche per lo stesso quartiere coinvolto nelle  trasformazioni urbane in corso. Sono infatti ripresi finalmente i lavori per la sistemazione della stazione di Porta Nuova sul lato di via Sacchi e sulla facciata principale: interventi che dovrebbero essere finiti entro il 2016 mentre a fine 2015 sarà restituito alla città anche il parcheggio interrato su quattro piani, da 250 posti.

Ma la rimessa a nuovo dell'hotel e la sua riapertura fra pochi giorni, potrebbero rappresentare anche la spinta a migliorare la situazione sotto i portici di via Sacchi, non certo noti per il loro decoro. I turisti che arrivano a Porta Nuova e che attraversano la strada, da anni, sono accolti infatti da un panorama non certo edificante. Senzatetto accampati in bivacchi di stracci e cartoni, personaggi poco raccomandabili che si aggirano a tutte le ore del giorno e della notte, cocci di bottiglie e sporcizia ovunque e negozi perennemente con le saracinesche abbassate. Forse tutto questo sarà presto solo un brutto ricordo.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Sacchi, riapre lo storico Turin Palace Hotel amato da rock star e reali

TorinoToday è in caricamento