Cronaca

Attivista No Tav inizia lo sciopero della fame

Turi Vaccaro, uno degli attivisti del movimento No Tav presenti al presidio di Chiomonte, ha iniziato da ieri sera lo sciopero della fame. Lui dice: "Spero di non essere il solo"

Il suo nome è Turi Cordaro, ma tutti lo conoscono come Turi Vaccaro: è uno degli attivisti del movimento No Tav presenti al presidio della Maddalena di Chiomonte, in provincia di Torino. Turi, attivista pacifista tra i più conosciuti, ha iniziato da mercoledì sera lo sciopero della fame per protestare contro l'apertura dei cantieri del tunnel geognostico propedeutico alla realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione.


"Sono pronto - ha detto Cordaro - ad andare avanti fino al 30 o al 31 maggio, ossia per 6-7 giorni. E spero di non essere il solo: il digiuno, massimo strumento della nonviolenza, è aperto a tutti e ognuno può digiunare come meglio crede in coscienza. E' la miglior risposta a coloro che dicono che il nostro movimento è in mano a fasce violente. Io farò anche il digiuno della parola eccetto che in assemblea". Intanto la notte al presidio è trascorsa senza incidenti. Il movimento, tramite barricate, ha chiuso gli accessi alla Maddalena a partire dalle 23 e li ha riaperti alle 7. Sul posto sono presenti alcune decine di manifestanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attivista No Tav inizia lo sciopero della fame

TorinoToday è in caricamento