Cronaca

Chiesta condanna di un anno e tre mesi per l'ex Dg dell'ospedale Sant'Anna

L'accusa è di turbativa d'asta ed è stata chiesta una condanna di un anno e tre mesi sia per l'ex direttore generale che per una collaboratrice, a cui era collegata una ditta a cui fu affidato il servizio di centralino

E' stata chiesta la condanna ad un anno e tre mesi per turbativa d'asta per l'ex direttore generale dell'ospedale torinese Sant'Anna, Marinella D'Innocenzo. La vicenda è risalente al 2007 prima che diventasse responsabile del servizio 118 del Lazio. La medesima pena è stata chiesta per Laura V., collaboratrice della D'Innocenzo.

L'episodio al vaglio del Tribunale è legato alla riorganizzazione del Centro Unico di prenotazione del Sant'Anna. Il servizio di centralino fu affidato a una ditta che risultò collegata alla collaboratrice dell'allora direttore generale dell'ospedale, che aveva un incarico da consulente informatica.


"L'accusa - spiega l'avvocato difensore Alfredo Caviglione- è infondata. Non ci fu una gara d'appalto perché non era necessaria, e l'unico interesse che si è seguito è stato quello della pubblica amministrazione: il servizio si rivelò eccellente, tanto che venne confermato dai successori del direttore". La sentenza è prevista il 19 marzo. L'ex dirigente del Sant'Anna è stata sospesa dalla carica di responsabile del 118 laziale dopo una condanna a otto mesi di carcere, pronunciata dal Tribunale di Torino il 10 giugno 2011, per tentata concussione; ora attende il processo d'appello. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiesta condanna di un anno e tre mesi per l'ex Dg dell'ospedale Sant'Anna

TorinoToday è in caricamento