Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Pozzostrada / Corso Francia

Truffa dello specchietto in zona Tesoriera, arrestato un 19enne

Aveva appena truffato un automobilista e, non pago, voleva ingannarlo sul valore pattuito per il danno. Il passaggio di due agenti di Polizia ha permesso i controlli che hanno portato all’arresto

La truffa dello specchietto è costata l’arresto a un ragazzo di 19 anni. Nei pressi del Parco della Tesoriera il giovane ha fermato una Skoda Octavia accusando l’automobilista di aver colpito e danneggiato la sua vettura, una Fiat Punto in sosta in seconda fila. In particolare il diciannovenne ha asserito che gli fosse stato rigato lo specchietto elettrico nella sua parte esterna: un danno da lui valutato 200 euro.

Mortificato per quanto accaduto, l’automobilista della Skoda ha contrattato il valore del danno, mettendosi d’accordo per una somma di 50 euro, soldi dati subito in contanti. Non pago dell’incasso ottenuto tramite truffa, il malvivente ha sostituito la banconota da 50 euro appena ricevuta con una da 10, reclamando la cifra rimanente.

Insospettito dalla richiesta e sicuro di aver dato la cifra corretta, la vittima della truffa ha fermato due agenti di Polizia che stavano transitando in quel momento. Tramite controllo, i poliziotti hanno trovato un gessetto in cera di colore nero, con cui presumibilmente era stato fatto il danno allo specchietto, un tubetto di vernice per ritocchi e un vasetto di pasta abrasiva all’interno della Fiat Punto del diciannovenne.

Non era un prima: il ragazzino era già noto alle forze dell’ordine per un episodio avvenuto alla fine del mese di marzo che gli era costato una denuncia per tentata truffa e il sequestro dell’autovettura, una Volkswagen Polo. Gli agenti lo hanno arrestato per truffa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa dello specchietto in zona Tesoriera, arrestato un 19enne

TorinoToday è in caricamento