Cronaca Barriera di Milano / Via Gottardo

Truffa dello specchietto, malviventi in azione davanti all'ospedale

Il teatro scelto dai balordi, per mettere in atto i colpi ai danni dei malcapitati automobilisti, è il parcheggio del San Giovanni Bosco

Immagine di repertorio

Un uomo di mezza età, dall’accento siciliano. “Probabilmente un nomade” racconta una delle vittime.

Davanti all’ospedale San Giovanni Bosco torna la truffa dello specchietto. Alcuni delinquenti avrebbero ricominciato a importunare gli automobilisti, spesso persone anziane o da sole in auto, con l’intento di spillar loro dei soldi. Anche solo venti euro.

L’ultima truffa, però, è sfumata grazie alla prontezza di spirito di un pensionato che di fronte alla richiesta incalzante di risarcimento di un danno «fantasma» da parte del truffatore, all’auto, si è opposta minacciando di telefonare alla polizia locale.

Purtroppo - racconta l’autore della segnalazione - in un’occasione ci sono cascato. Ho lasciato venti euro in mano a uno di questi nomadi dall’accento siciliano. Poi nemmeno una settimana dopo ci hanno riprovato”.

La vittima ha sentito un rumore come se un sasso avesse colpito la sua auto. Si è guardato attorno, controllando i vetri: constatato che tutto era a posto è ripartito ma dopo mezzo chilometro si è visto affiancare da un’utilitaria: il conducente ha abbassato il finestrino e, rallentando ha costretto l’altra auto a fermarsi.

Il teatro scelto dai truffatori seriali, per mettere in atto i colpi ai danni dei malcapitati automobilisti, è il parcheggio di quell’ospedale di via Gottardo già noto per il via vai dei parcheggiatori abusivi. Dopo il presunto urto scatta l’inseguimento, a cui seguono minacce e intimidazioni. Il consiglio, se si è sicuri di aver davanti dei balordi, è quello di allertare le forze dell’ordine.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa dello specchietto, malviventi in azione davanti all'ospedale

TorinoToday è in caricamento