menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finto concessionario d'auto, parla un’altra vittima: “Anch’io raggirato allo stesso modo”

Il racconto di un secondo acquirente truffato: "Prima di sparire mi ha scritto una lettera dicendomi che mi avrebbe ridato i soldi". Oggetto della truffa la stessa auto del caso precedente

“Non avrei mai dovuto fidarmi di questa persona. Ogni volta una scusa dietro l’altra per non consegnarmi l’auto”. Sembra un film già visto, eppure è il reale racconto di un’altra delle vittime del finto concessionario d’auto di Moncalieri, ritenuto responsabile di truffe seriali ai danni di numerose persone residenti nel Torinese.

Dicevamo un film già visto, perché i particolari della truffa in questione sono pressoché analoghi a quelli di cui ci eravamo già occupati un mese fa (vedere qui): il prezzo di listino da “acquolina in bocca”, la caparra versata in anticipo e il relativo saldo tramite bonifico - ma sempre prima di effettuare la voltura - dopodiché l’auto che non viene mai consegnata a causa prima di presunti fermi amministrativi e successivamente di altre problematiche burocratiche. Auto che, peraltro, è la stessa della truffa precedente, un’Audi A4 bianca (esattamente quella in primo piano nella foto). In questo caso, l’unica differenza riguarda l’incontro per visionare il veicolo, avvenuto non all’interno della finta concessionaria bensì a Nichelino, precisamente in piazza Rossa. 

Dulcis in fundo, alla vittima è stata recapitata anche una lettera di scuse, nella quale il finto concessionario comunicava il recesso dal contratto in quanto l’auto non poteva essere consegnata, ribadendo tuttavia che avrebbe provveduto alla restituzione del denaro “entro e non oltre trenta giorni e comunque - si legge nella lettera - nel minor tempo possibile in modo da definire questa incresciosa situazione”. E concludeva dicendo che l’acquirente sarebbe stato presto contattato dal suo legale per definire l’intera faccenda. “Peccato che sono passati due mesi - dice la vittima - e non ho avuto notizie da nessuno né tantomeno ho rivisto i miei soldi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento