Cronaca

Vanno a trovare i mariti in carcere e pagano i biglietti con una carta clonata, arrestate

Sono arrivate a Torino e sono state bloccate durante il viaggio di ritorno. I coniugi sono rapinatori di banca detenuti alle Vallette

Hanno acquistato biglietti di andata e ritorno per treni Italo con cui hanno fatto un viaggio per Torino, dove i loro mariti si trovano detenuti in carcere per concorso in rapina in banca e sequestro di persona, utilizzando una carta di credito clonata. Protagoniste dell'accaduto sono due sorelle napoletane di 39 e 41 anni, che sono state arrestate alla stazione di Roma Termini, durante il viaggio di ritorno, e portate in caserma in attesa del rito direttissimo.

La vittima dell'accaduto, un romano, si è subito recato nella stazione dei carabinieri di piazza Venezia dopo avere ricevuto la notifica dell'avvenuto pagamento, disconoscendo la transazione e sporgendo querela contro ignoti.

L'accusa per entrambe è di ricettazione, indebito utilizzo di carte di credito e false dichiarazioni sulla propria identità (hanno dato nomi falsi al capotreno).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vanno a trovare i mariti in carcere e pagano i biglietti con una carta clonata, arrestate

TorinoToday è in caricamento