"Il vostro bar ha il malocchio": si fa consegnare i soldi destinati ai fornitori, ma viene bloccata

Risvegliati i gestori "intontiti"

immagine di repertorio

"Il tuo bar ha il malocchio e io posso toglierlo". Così ieri, giovedì 21 maggio 2020, un'italiana 55enne di Noto (Siracusa) è entrata in un bar di corso Francia nel quartiere Regina Margherita di Collegno ed è riuscita a convincere i gestori a consegnarle 350 euro in contanti. La somma era stata preparata per pagare i fornitori in vista della riapertura prevista domani, sabato 23.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una pattuglia della polizia locale, impegnata nei controlli sul rispetto delle norme anti-coronavirus, ha capito che qualcosa non stava funzionando ed è intervenuta all'interno del locale, 'risvegliando' i due esercenti che erano come intontiti, restituendo loro la somma e denunicando la donna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio-suicidio: uccide la moglie che si stava separando da lui e poi se stesso

  • Apre il nuovo centro commerciale: previsti un centinaio di posti di lavoro

  • Suv impazzito travolge cinque pedoni davanti a un déhors: morta una donna

  • Calo glicemico, come riconoscerlo e come intervenire

  • Blocchi auto per 37 comuni dal 1 ottobre 2020: varato il regolamento

  • Torna l'ora solare, lancette indietro di 60 minuti: quando e perché si dormirà di più

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TorinoToday è in caricamento