Anziano truffato in un bar a Beinasco, il gestore insegue un malvivente e lo blocca

I carabinieri stanno cercando il padre del 19enne, fuggito con orologi che valgono 7mila euro. La vittima arrivava dal Padovano

Il bar Lilly and Family di via San Giacomo a Beinasco

Si è messo a correre dietro al truffatore ed è riuscito a bloccarlo. E' accaduto a Beinasco, dove la mattina di venerdì 9 dicembre un giovane barista è riuscito a sventare un colpo ai danni di un pensionato avvenuto nel suo locale.

L'esercente, 25 anni, lavora nel locale di famiglia, il bar Lilly and Family di via San Giacomo 7. Ha visto che una coppia di nomadi, poi risultata residente a Volpiano, stava cercando di comprare alcuni orologi con soldi falsi. A un certo punto uno dei due, il più anziano, ha arraffato i preziosi ed è fuggito in auto mentre l'altro è scappato in strada a piedi, ma lui si è messo al suo inseguimento e, con l'aiuto di un automobilista, lo ha acciuffato. 

La vittima è un 76enne residente ad Abano Terme (Padova) che aveva messo un annuncio su Ebay. Gli orologi avevano un valore di 7mila euro. I due, fingendosi ricchi imprenditori padre e figlio, avevano convinto l'anziano a mostrare loro la merce all'interno del bar prima di acquistarla e gli avevano mostrato la mazzetta di banconote false.

L'arresto è scattato per un 19enne rom di nazionalità macedone residente in un campo. Il padre, fuggito a bordo di una Mini Cooper, è ricercato ma i carabinieri sono pressoché certi che si tratti di lui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento